Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 1999 November;48(11) > Minerva Stomatologica 1999 November;48(11):525-34

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Stomatologica 1999 November;48(11):525-34

lingua: Italiano

Occlusione e postura: quali le evidenze di correlazione?

Michelotti A., Manzo P., Farella M., Martina R.


PDF  


L'evidenza di relazioni anatomiche e funzionali tra sistema stomatognatico e sistema di regolazione posturale ha aperto il campo ad interessanti ipotesi di correlazione tra patologie occlusali e squilibri della postura. Recentemente questa tematica, in virtù della rapida diffusione operata dai mezzi d'informazione, ha acquisito anche una considerevole valenza sociale oltre che scientifica, ed in pochi anni è aumentato rapidamente il numero di pazienti che richiedono cure odontoprotesiche ovvero ortognatodontiche per risolvere patologie che sintomatologicamente colpiscono altri distretti anatomici.
Alla luce di tali considerazioni, lo scopo del nostro lavoro è di verificare, con una revisione critica della letteratura, se esista o meno un rapporto di causa-effetto tra modificazioni, indotte e/o insorte, in uno dei due sistemi ed effetti espressi nell'altro. Ciò, ovviamente, assume un'importanza critica per quanto riguarda sia la diagnosi che la strategia terapeutica.
L'attendibilità degli studi esaminati, è stata valutata in relazione al grado di rispondenza ai parametri di un ideale progetto di ricerca esposti da Storey e Rugh.
Sebbene esistano evidenze di correlazioni tra occlusione e postura craniocervicale, tali rapporti acquisiscono rilevanza sempre minore spostandosi in direzione craniocaudale e non assumono, in ogni caso, la valenza di causa-effetto. In considerazione di quanto riportato in letteratura, non sono, pertanto, giustificate eventuali terapie occlusali, specialmente se irreversibili, indirizzate al trattamento di squilibri posturali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail