Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 1999 Ottobre;48(10) > Minerva Stomatologica 1999 Ottobre;48(10):485-94

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale

Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0926-4970

Online ISSN 1827-174X

 

Minerva Stomatologica 1999 Ottobre;48(10):485-94

 REVIEW

Effetti delle droghe sul cavo orale

Fazzi M., Vescovi P., Savi A., Manfredi M., Peracchia M.

Come dimostrato dall'aumento degli ultimi anni degli utenti in carico ai Servizi Pubblici per le Tossicodipendenze (Ser. T.), quello delle tossicodipendenze è un fenomeno in continua crescita. È quindi importante che l'odontoiatra sia a conoscenza dei problemi legati all'abuso di droghe che possono essere di sua competenza. Nel presente lavoro vengono analizzati i principali effetti generali e a livello del cavo orale delle sostanze ad azione psicogena illegali utilizzate dalla maggior parte dei tossicodipendenti. Le principali complicanze a livello odontoiatrico dei cannabinoidi risultano essere l'aumento di incidenza di carcinomi squamocellulari del cavo orale, presenza di xerostomia e di gravi gengiviti. La cocaina, a seconda della modalità di assunzione, può provocare soprattutto necrosi ischemiche del palato, infiammazioni, ulcerazioni e retrazioni gengivali e un aumento dell'incidenza di bruxismo. Gli allucinogeni presentano pochi effetti diretti sul cavo orale, tra questi si può ricordare la xerostomia, l'aumento del bruxismo e problemi orali legati alla malnutrizione causati dall'ecstasy. Per quanto riguarda gli oppiacei, l'eroina è la sostanza d'abuso primaria utilizzata dalla maggior parte dei tossicodipendenti. Gli effetti sul cavo orale sono da ricondurre principalmente alla patologia cariosa, particolare nella forma e nell'entità, legata direttamente o indirettamente all'assunzione di eroina; avremo quindi presenza di patologia cariosa «tipica» e presenza di patologia cariosa «atipica» legata direttamente agli effetti dell'eroina. Data l'entità del fenomeno è quindi importante che l'odontoiatra sia a conoscenza dei problemi legati all'abuso di droghe che possono essere di sua competenza.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina