Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 1999 Marzo;48(3) > Minerva Stomatologica 1999 Marzo;48(3):63-70

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale

Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0926-4970

Online ISSN 1827-174X

 

Minerva Stomatologica 1999 Marzo;48(3):63-70

 ARTICOLI ORIGINALI

Lembo libero fascio-cutaneo di radiale (Valutazione degli esiti a livello del sito donatore)

Belli E., Govoni F. A., Matteini C., Migliano E.

Obiettivo. Dopo oltre un decennio di esperienza clinica, il lembo rivascolarizzato fascio-cutaneo di radiale rappresenta ormai una metodica ricostruttiva ben standardizzata, ampiamente diffusa per la relativa semplicità d'esecuzione e versatilità d'impiego. Dalla revisione della letteratura emerge che le principali controindicazioni all'utilizzo di tale lembo libero riguardano soprattutto gli esiti a livello del sito donatore. Scopo di questo lavoro è stato quello di valutare le complicanze della metodica, misurare i deficit funzionali e gli esiti cicatriziali che residuano al prelievo del lembo, cercando di mettere in risalto quali accorgimenti chirurgici possano aiutare a minimizzarli.
Metodi. Sono stati studiati 17 pazienti sottoposti consecutivamente a ricostruzione del cavo orale per trasposizione di lembo libero fascio-cutaneo radiale, la cui sede di prelievo era stata trattata con innesto dermoepidemico a tutto spessore. Sono state considerate le possibili complicanze postoperatorie e sono state analizzate le alterazioni funzionali ed estetiche a livello della sede donatrice, con un follow-up medio di 17,5 mesi.
Risultati. L'esame del campione ha evidenziato complicanze postoperatorie poco significative a breve e medio termine, nessun caso di rilevante deficit della motitlità e della sensibilità della mano e delle dita, associati ad una percentuale di soddisfazione per il risultato estetico-funzionale da parte del paziente superiore all'80%.
Conclusioni. Gli Autori nel riportare la propria esperienza, seppur su un limitato campione di pazienti, ritengono che i risultati estetico-funzionali dipendano significativamente dalle tecniche adottate per prelevare il lembo e per la ricostruzione del sito donatore.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina