Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2014 Marzo;55(1) > Minerva Psichiatrica 2014 Marzo;55(1):35-43

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Psichiatrica 2014 Marzo;55(1):35-43

lingua: Italiano

Mettiamo caso che... (i manicomi fossero rimasti)

Burti L. 1, Cazzoletti L. 2

1 Sezione di Psichiatria, Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità, Università di Verona, Verona, Italia;
2 Sezione di Epidemiologia e Statistica medica, Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità, Università di Verona, Verona, Italia


PDF  


La riforma italiana del 1978 ha trasformato radicalmente il sistema assistenziale psichiatrico bloccando i ricoveri nei manicomi e sviluppando servizi alternativi nella comunità e negli ospedali. L’articolo ipotizza alternative possibili nell’andamento e nell’uso del sistema psichiatrico pubblico qualora la riforma non avesse avuto luogo. Vengono inoltre effettuate delle comparazioni con altri paesi europei, per individuare somiglianze e differenze nei profili di cambiamento dei rispettivi sistemi psichiatrici. Infine, si utilizzano i dati correnti sul numero di pazienti al loro primo ricovero nei servizi psichiatrici italiani odierni, per stimare la numerosità della popolazione che avrebbe altrimenti sperimentato l’istituzionalizzazione in manicomio nei trenta e più anni trascorsi dalla riforma.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail