Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2013 September;54(3) > Minerva Psichiatrica 2013 September;54(3):221-32

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Psichiatrica 2013 September;54(3):221-32

lingua: Italiano

Comunicazione, competenza culturale e sicurezza nei luoghi di lavoro: una ricerca–intervento per l’applicazione del modello C.I.A.O.

Marcacci T., Chierzi F., Ferretti M., Allegri F., Storbini V., Menchetti M., Berardi D., Tarricone I.

Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche, Bologna Transcultural Psychiatric Team (BoTPT), Università di Bologna, Bologna, Italia


PDF  


Obiettivo. L’elevata frequenza di infortuni tra i lavoratori migranti è documentata dalla letteratura internazionale e da statistiche condotte su base nazionale. Il management del rischio e la comunicazione della sicurezza in contesti lavorativi interculturali devono essere sempre più al centro degli indirizzi formativi promossi da enti pubblici e dalle aziende. Per soddisfare tali necessità abbiamo condotto un progetto di formazione presso il cantiere edile Torre Unifimm di Bologna, con la collaborazione della cooperativa CMB e del consorzio Nuova Agorà.
Metodi. In un corso di formazione rivolto ai preposti alla sicurezza è stato sperimentato il metodo C.I.A.O. (Contatto, Intesa, Alleanza, Obiettivi), sviluppato ad hoc per potenziare gli skills comunicativi in contesti multiculturali. L’opinione e la capacità dei preposti in materia di comunicazione del rischio in ambienti interculturali sono stati valutati prima del corso e a distanza di 3 mesi dall’iniziativa. Sedici lavoratori migranti sono stati coinvolti nella valutazione del clima di sicurezza e della qualità della comunicazione con i responsabili.
Risultati. le sessioni formative sono state impostate su una modalità didattica interattiva e partecipativa. Fin dall’inizio è stato rilevato un buon clima di sicurezza e uno spiccato interesse per la comunicazione delle norme antinfortunistiche. Il corso ha implementato l’interesse e la consapevolezza dei preposti alla sicurezza sui luoghi di lavoro circa l’importanza della competenza culturale nell’ambito della comunicazione del rischio e fornito un modello applicativo delle competenze.
Conclusioni. Quest’esperienza pilota dimostra come, anche nei contesti di lavoro più attenti alla sicurezza, la competenza culturale nella comunicazione del rischio verso i migranti sia un tema sensibile ed implementabile. Tali interventi formativi andrebbero estesi e generalizzati su scala nazionale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail