Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2012 Settembre;53(3) > Minerva Psichiatrica 2012 Settembre;53(3):171-84

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  SCHIZOFRENIA: UN AGGIORNAMENTO


Minerva Psichiatrica 2012 Settembre;53(3):171-84

lingua: Inglese

Effetti del trattamento nella schizofrenia: evidenze dal neuroimaging

Karch S., Keeser D., Pogarell O.

Department of Psychiatry and Psychotherapy, Ludwig-Maximilians-University Munich, Munich, Germany


PDF  


È stato dimostrato come i deficit cognitivi e le difficoltà nel riconoscimento emotivo in pazienti schizofrenici siano associati a disfunzioni, soprattutto nelle aree frontali, striatali, parietali e nell‘amigdala. Nella presente review affrontiamo gli effetti di diversi interventi educativi e strategie terapeutiche su tali processi. I miglioramenti cognitivi, unitamente alle alterazioni funzionali, soprattutto nella corteccia cingolata anteriore, nella corteccia prefrontale dorsolaterale, nel giro frontale inferiore, nel giro parietale inferiore e nelle regioni striatali, sembrano essere associati al trattamento con antipsicotici atipici. Adattamenti funzionali nelle aree frontali sono stati dimostrati anche dopo l‘educazione emotiva, l‘educazione cognitivo-comportamentale, la TMS ripetitiva e il neurofeedback fMRI in tempo reale. Oltre a ciò, le regioni parietale e occipitale sembrano rivestire una particolare importanza. Tali risultati supportano l‘ipotesi che i miglioramenti nella sintomatologia siano associati ad alterazioni neurobiologiche.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail