Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2012 June;53(2) > Minerva Psichiatrica 2012 June;53(2):101-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Psichiatrica 2012 June;53(2):101-6

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Effetti della durata della malattia e del numero degli attacchi psicotici sul deterioramento cognitivo e intellettuale di pazienti schizofrenici

Vaziri A. 1, Rezaei O. 2, Dolatshahi B. 3

1 Clinical Psychology Science and Research Branch, Islamic Azad University, Tehran, Iran; 2 Department of Psychiatry, University of Social Welfare and Rehabilitation Science, Tehran, Iran; 3 Department of Psychology, University of Social Welfare and Rehabilitation Science, Tehran, Iran


PDF  


Obiettivo. Il declino cognitivo nella schizofrenia può essere un fenomeno deteriorativo, dove i deficit intellettuali e cognitivi dei pazienti peggiorano progressivamente nel prolungato decorso della malattia dopo un’insorgenza insidiosa, oppure può essere un fenomeno statico, il che significa che, una volta insorti, i deficit rimangono relativamente stabili. Obiettivo del presente studio è stato quello di esaminare gli effetti della durata della malattia e del numero degli attacchi psicotici sul deterioramento cognitivo e intellettuale di pazienti affetti da schizofrenia.
Metodi. Nel presente studio retrospettivo, 52 uomini schizofrenici ricoverati sono stati valutati con la scala di intelligenza Wechsler per adulti revisionata e sono state richieste le loro caratteristiche demografiche. Sono stati utilizzati metodi di statistica descrittiva. Il valore-P <0,05 è stato considerato statisticamente significativo.
Risultati. Secondo i nostri risultati, il deterioramento cognitivo in pazienti schizofrenici è generalmente correlato alla durata della malattia e al numero degli attacchi psicotici. Il Full Scale IQ era correlato in maniera negativa alla durata della malattia (R2=-0,33, P<0,02) e al numero degli attacchi psicotici (R2=-0,31, P=0,03). I pazienti avevano i punteggi più elevati in informazione, vocabolario e comprensione e i punteggi più bassi in disegno con i cubi, assemblaggio di oggetti e codificazione di cifre e simboli. Vi era una correlazione significativa tra durata della malattia e ragionamento aritmetico, disposizione delle immagini e disegno con i cubi e una correlazione significativa tra numero degli attacchi psicotici e comprensione e analogie.
Conclusioni. Possiamo dedurre dalla performance dei nostri partecipanti nei sotto-punteggi della scala WAIS-R che gli aspetti dell’intelligenza influenzati da fattori culturali ed educativi subiscono un minore deterioramento nei pazienti schizofrenici rispetto ad altri aspetti maggiormente influenzati da fattori biologici.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail