Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2012 Marzo;53(1) > Minerva Psichiatrica 2012 Marzo;53(1):29-38

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  AGGIORNAMENTI IN PSICHIATRIA NEL 2012


Minerva Psichiatrica 2012 Marzo;53(1):29-38

lingua: Inglese

Sfide e progressi nella salute mentale e nelle disabilità intellettive

Wieland J. 1, Van Vliet J. P. M. 1, Zitman F. G. 2

1 Kristal, Center for Psychiatry and Intellectual Disabilities, Leiden, the Netherlands;
2 Leiden University Medical Center, Leiden, the Netherlands


PDF  


Le persone con disabilità intellettive soffrono dell’intera gamma dei disturbi psichiatrici, con tassi di prevalenza elevati. Tuttavia, l’assistenza sanitaria mentale per le persone affette da disabilità intellettive è ancora agli albori. La diagnosi dei disturbi psichiatrici non è semplice poiché numerosi professionisti hanno poca o nessuna esperienza con tale popolazione di pazienti e il rimando spesso dipende da chi si prende cura di tali soggetti. L’utilizzo di criteri diagnostici può essere limitato da fenomeni come la distorsione intellettiva, la disintegrazione cognitiva, il mascheramento psicosociale, l’esagerazione di problemi comportamentali pre-esistenti e le risposte affermative. Il comportamento problematico è una delle numerose ragioni per il rimando ai servizi psichiatrici, ma non rappresenta una diagnosi psichiatrica formale e la sua relazione con la patologia psichiatrica non è chiara. Per quanto concerne il trattamento, si può affermare che, in linea generale, è troppo presto per parlare di trattamenti basati sull’evidenza in tale gruppo di pazienti. Nonostante l’assenza di evidenza, le persone con disabilità intellettive sono tra i gruppi che ricevono maggiore assistenza sanitaria nella società. La prescrizione off-label e la politerapia sono comuni e solo di recente ha preso piede la psicoterapia. Nonostante l’attuale utilizzo di diverse forme di psicoterapia nella pratica clinica, vi è poca evidenza di efficacia basata sulla ricerca. Nell’ultimo decennio sono stati compiuti alcuni importanti progressi. Pubblicazioni come il DM-ID e i DC-LD, oltre alla crescente disponibilità di strumenti psicometricamente validi, agevolano l’esecuzione di diagnosi psichiatriche accurate. L’abuso di farmaci psicotropi, soprattutto nei comportamenti problematici, è stato posto al centro dell’attenzione e vi è un crescente numero di studi realizzati, inclusi quelli controllati randomizzati. Tuttavia, rispetto alla psichiatria generale, lo sviluppo è in ritardo. Anche se le sfide sono state analizzate nel dettaglio, permane un divario tra la ricerca e la pratica clinica. L’attenzione dovrebbe essere posta sul raggiungimento di maggiori conoscenze in merito alla prevalenza e al decorso psicopatologici e in merito all’efficacia di diversi tipi di trattamenti, traducendo i risultati nella pratica clinica quotidiana.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail