Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2011 September;52(3) > Minerva Psichiatrica 2011 September;52(3):145-55

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  AGGIORNAMENTI E ATTUALITÀ IN PSICHIATRIA


Minerva Psichiatrica 2011 September;52(3):145-55

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Aggiornamento sul trattamento farmacologico del disturbo di panico

Freire R. C. 1, Cosci F. 2, Nardi A. E. 1

1 Laboratory of Panic and Respiration, Institute of Psychiatry, Federal University of Rio de Janeiro, Rio de Janeiro, Brazil; 2 Department of Psychology, University of Florence, Florence, Italy


PDF  


L’obiettivo di questa review è stato di riassumere l’evidenza recente riguardante il trattamento farmacologico del disturbo di panico (DP). Gli autori hanno effettuato una review sistematica della letteratura riguardante il trattamento farmacologico del DP a partire dall’anno 2000. Sono stati selezionati soltanto gli studi aperti, gli studi controllati con placebo o i trial clinici comparativi. I recenti trial clinici hanno confermato l’efficacia di fluvoxamina, venlafaxina, paroxetina, citalopram, sertralina, fluoxetina, imipramina, clomipramina, clonazepam e inositolo nel trattamento del DP. I nuovi farmaci escitalopram, mirtazapina, duloxetina e nefazodone possono inoltre essere efficaci nel trattamento di questo disturbo. I composti con riportata efficacia nel trattamento del DP hanno incluso quelli con attività serotoninergica, serotoninergica e noradrenergica, e GABAergica. L’inibitore della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina (SNRI) e gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) sono i composti di prima linea nel trattamento del DP. Questi farmaci sono stati meglio tollerati rispetto a triciclici e benzodiazepine, oltre ad avere un basso rischio di dipendenza e di complicazioni legate al sovradosaggio. Le vie noradrenergiche, serotoninergiche e GABAergiche svolgono un ruolo importante nel fear network e nella fisiopatologia del DP. Una migliore comprensione del ruolo di questi sistemi neurotrasmettitori nel DP permetterà lo sviluppo di farmaci più efficaci per questa condizione psichiatrica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail