Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2011 June;52(2) > Minerva Psichiatrica 2011 June;52(2):81-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Psichiatrica 2011 June;52(2):81-7

lingua: Inglese

Lo stress dei genitori nelle cardiopatie congenite

Montis S., Tumbarello R.

Pediatric Cardiology Division, “G. Brotzu” Hospital, Cagliari, Italy


PDF  


Obiettivo. La diagnosi di una cardiopatia congenita è un’esperienza drammatica non solo per il bambino, ma anche per i suoi genitori. Scopo del nostro lavoro è stata l’analisi dello stato emotivo dei genitori in seguito alla diagnosi di una cardiopatia congenita.
Metodi. Per valutare i livelli di stress di 54 genitori di bambini con una severa CHD (0-24 mesi) abbiamo utilizzato la Impact Event Scale (Weiss) ed il Parental Stress Index (Abidin).
Risultati. L’analisi delle risposte alla IES-R ha messo in evidenza un punteggio sia Totale, sia nelle subscale dell’Intrusione e dell’Ipervigilanza più elevato nelle madri rispetto ai padri (P<0,05). L’analisi delle risposte alla PSI-SF ha messo in evidenza: un punteggio sia Totale, sia nella subscala del Distress Genitoriale più elevato nelle madri dei bambini con una CHD rispetto ai padri (P<0,05), mentre non è emersa nessuna differenza tra le madri ed i padri del gruppo di controllo; un punteggio sia Totale, sia nella subscala Bambino Difficile più elevato nelle madri dei bambini con una CHD rispetto a quelle del gruppo di controllo (P<0,05), mentre non è emersa nessuna differenza tra i padri appartenenti ai due gruppi.
Conclusione. L’impatto emotivo del management di una severa cardiopatia congenita sembra essere maggiore sulle madri rispetto ai padri. Queste vivono un disagio psicologico caratterizzato dal pensiero ricorrente della diagnosi e da uno stato di tensione permanente. Il loro stato emotivo si riflette negativamente anche sul ruolo di genitore e sull’immagine del proprio bambino. Pertanto hanno bisogno di un supporto adeguato per accettare questo “un figlio imperfetto”.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail