Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2010 March;51(1) > Minerva Psichiatrica 2010 March;51(1):43-52

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  VASCULAR DEMENTIA


Minerva Psichiatrica 2010 March;51(1):43-52

lingua: Inglese

Computerized methods for cognitive assessment of the elderly: options and limitations

Aharonson V. 1, Korczyn A. D. 2

1 Department of Computer Engineering, Afeka, Tel Aviv Academic College of Engineering, Tel Aviv, Israel
2 Department of Neurology, Sackler School of Medicine, Tel Aviv University, Tel Aviv, Israel


PDF  


L’invecchiamento della popolazione comporta pesanti implicazioni sociali ed economiche. I soggetti più anziani sono più suscettibili a contrarre patologie, e le loro entrate economiche sono spesso limitate. Caratterizzato da una ridotta natalità, questo secolo assisterà a importanti cambiamenti. La salute dei soggetti anziani sarà influenzata da problemi sia fisici sia mentali. Tra questi la demenza giocherà un ruolo di primo piano. Come prevedibile, grandi sforzi sono diretti nel tentativo di comprendere meglio la biologia della demenza e di cercarne delle cure. I cambiamenti fisici nel cervello che determinano il declino cognitivo sono il risultato di numerosi meccanismi, in cui sia processi neurodegenerativi primitivi sia modificazioni vascolari esercitano un ruolo importante. Il principale processo sottostante è ritenuto essere la malattia di Alzheimer, sebbene nella maggior parte dei casi vi sia una demenza mista, in cui prendono parte diversi processi. Numerosi metodi per identificare i marcatori biologici sono stati attivamente sviluppati, utilizzando la “imaging biochemistry”, ecc. Tuttavia, i metodi fino ad ora sviluppati sono costosi e richiedono molto tempo, e non sono disponibili in quantità sufficiente. Inoltre, essi sono sempre diretti verso un particolare processo patologico, la malattia di Alzheimer o la vasculopatia cerebrale. Anche un altro metodo diffuso – l’esaminazione neuropsicologica – ha delle limitazioni, essendo costoso e di lunga durata e richiedendo un esperto per essere effettuata. Pertanto, è necessario un metodo che sia in grado di riconoscere un declino cognitivo in una fase molto precoce. La valutazione cognitiva computerizzata può essere impiegata per l’iniziale fase di screening del processo di valutazione cognitiva, prima di utilizzare altri metodi di valutazione. Tuttavia, il test cognitivo computerizzato è ancora lontano dall’essere utilizzato diffusamente in ambito sanitario. In questo capitolo, vengono discusse le ragioni di questa scarsa utilizzazione dei metodi computerizzati per la valutazione cognitiva.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail