Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2009 December;50(4) > Minerva Psichiatrica 2009 December;50(4):329-37

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  DISORDINI DELLA PERSONALITÀ


Minerva Psichiatrica 2009 December;50(4):329-37

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La formazione dei terapeuti in psicoterapia dinamica breve

Rosso G., Maina G., Rapicavoli P., Martini B., Bertetto N., Bogetto F.

Servizio per i Disturbi Depressivi e d’Ansia, Dipartimento di Neuroscienze, Università degli Studi di Torino, Torino, Italia


PDF  


Negli ultimi anni, le psicoterapie brevi sono diventate la forma di psicoterapia più utilizzata nel trattamento della maggior parte dei disturbi psichiatrici. Più nello specifico, tra i singoli modelli di psicoterapia breve, la psicoterapia dinamica breve (brief dynamic therapy, BDT) ha assunto un ruolo di primo piano: infatti, numerosi studi hanno dimostrato l’efficacia della BDT, specialmente nel trattamento dei disturbi depressivi e d’ansia. La BDT si colloca all’interno della tradizione psicoanalitica freudiana, pur differendo da quest’ultima per alcuni rilevanti aspetti, come un numero limitato di sedute, la definizione di uno specifico focus di intervento e un ruolo del terapeuta più attivo. Relativamente al percorso formativo dei terapeuti di BDT, è importante considerare non solo lo sviluppo delle capacità tecniche, ma anche le attitudini ed abilità individuali che sarebbe indicato possedere, essendo questi aspetti determinanti per l’esito terapeutico. Tuttavia, non sono disponibili al momento attuale degli univoci criteri per valutare questi importanti fattori. Lo scopo di questo articolo, dopo revisione della corrente letteratura, è di mostrare quali attitudini personali dovrebbe possedere un terapeuta di BDT; sono poi discusse le più comuni strategie per attestare queste competenze. Inoltre, sono brevemente riassunti i più rilevanti metodi formativi impiegati dalle diverse scuole psicoterapeutiche che utilizzano la BDT. Proprio per una carenza nell’offerta di un percorso formativo delineato ed accessibile, attualmente c’è un numero insufficiente di terapeuti di BDT qualificati; sono perciò necessari ulteriori studi che chiariscano le attitudini indicate per un terapeuta di BDT e definiscano uno specifico e strutturato percorso di formazione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail