Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2009 December;50(4) > Minerva Psichiatrica 2009 December;50(4):309-18

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

DISORDINI DELLA PERSONALITÀ  


Minerva Psichiatrica 2009 December;50(4):309-18

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

REVIEW

Schulz S. C., Moen R., Miller M., Long B., Romine A., Nelson K.

Department of Psychiatry, University of Minnesota, Minneapolis, MN, USA


PDF  


Il disordine borderline di personalità (BPD) è divenuto recentemente di rinnovato interesse clinico e di ricerca in seguito ai dati obiettivamente riportati da studi epidemiologici in termini di prevalenza e gravità. Utilizzando strumenti moderni, i tassi di BPD sono attualmente riportati attorno all’1-2% nella popolazione generale. Questi dati, abbinati all’elevato tasso riportato di utilizzo di servizi psichiatrici, hanno determinato una maggior comprensione del significato di questa patologia. Inoltre, gruppi di supporto come la National Alliance on Mental Illness stanno spingendo per una azione più aggressiva. In questo articolo, gli Autori propongono una revisione degli approcci di farmacoterapia al BPD, descrivendo i risultati ottenuti da numerose classi di composti che sono stati testati nel trattamento di questa patologia. La pubblicazione di criteri obiettivi per il BPD nel DSM III ha determinato l’esecuzione di trials clinici standardizzati. Vengono rivisti gli studi condotti sui farmaci antipsicotici tipici ed atipici – alcuni dimostratisi efficaci, altri inefficaci. Inoltre, vengono discussi i trials condotti sui farmaci SSRI, SNRI, MAOI, sugli stabilizzatori dell’umore anticonvulsivanti e sul litio. Questa analisi è seguita dalla discussione di valutazioni empiriche di trials relativi al trattamento psicosociale, ed infine dalla sezione conclusiva sui nuovi studi che valutano il trattamento combinato psicosociale e farmacologico. In tale ambito, sono attesi risultati promettenti per il futuro, essendo i trattamenti combinati psicosociali e farmacologici frequentemente applicati ai pazienti affetti da BPD.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail