Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2009 December;50(4) > Minerva Psichiatrica 2009 December;50(4):291-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Psichiatrica 2009 December;50(4):291-9

lingua: Italiano

Esiti di un intervento integrato in una popolazione di pazienti psichiatrici gravi

Saettoni M. 1,2, Marcacci G. 1, Pannocchia L. 3, Costa G. 1, Martino R. 1, Del Debbio A. 1, Gemignani A. 1

1 Comunità Terapeutico-Riabilitativa Residenziale “La Rocca” Pietrasanta; “Pellicano Versilia” Onlus, AUSL 12 Viareggio, Lucca, Italia
2 Unità Funzionale di Salute Mentale Adulti, Zona Valle del Serchio, AUSL 2 Lucca, Italia
3 Dipartimento di Psicologia, Università degli Studi di Firenze, Firenze, Italia


PDF  


Obiettivo. Il trattamento psichiatrico e quello riabilitativo dovrebbero essere integrati per il raggiungimento dei migliori livelli possibili di funzionamento e qualità di vita in soggetti che soffrono di un disturbo mentale. Scopo di questo studio è quello di presentare i primi dati riguardo l’applicazione di un intervento integrato in un campione di soggetti ospiti di una comunità terapeutica.
Metodi. Sono state impiegate le scale Brief Psychiatric Rating Scale (BPRS) e Morningside Rehabilitation Status Scale (MRSS) per la valutazione dell’outcome del trattamento integrato (psicoterapia cognitivo-comportamentale, trattamento farmacologico e programma riabilitativo) in un campione di 33 pazienti ospiti della comunità.
Risultati. Quattordici pazienti hanno completato il programma terapeutico e sono stati affidati alle loro famiglie o sono stati inseriti in altre strutture con un più basso livello assistenziale. Il 40% circa dei soggetti hanno avuto un inserimento lavorativo protetto. Un sottocampione di 23 pazienti (i 14 dimessi più 9 soggetti sempre degenti) ha mostrato una riduzione significativa dei punteggi alle scale BPRS e MRSS dopo un periodo di osservazione di 6 mesi rispetto alla valutazione iniziale. Nelle valutazioni di follow-up successive i punteggi alle scale BPRS e MRSS hanno mostrato una progressiva e significativa riduzione ma con variazioni meno ampie.
Conclusioni. Questi risultati preliminari suggeriscono come il trattamento integrato possa condurre, anche in pazienti con disturbi psichiatrici di livello severo, a un miglioramento sintomatologico e funzionale che si verifica in maniera più evidente durante il primo semestre.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail