Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2009 June;50(2) > Minerva Psichiatrica 2009 June;50(2):147-69

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  ANXIETY DISORDERS - PART I


Minerva Psichiatrica 2009 June;50(2):147-69

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Infanzia e disturbi ansiosi

Demeter C. A., Rowles B. M., Hall-Mennes M., Findling R. L.

Department of Psychiatry University Hospitals Case Medical Center/ Case Western Reserve University Cleveland, OH, USA


PDF  


Sebbene i disturbi ansiosi siano comuni nei bambini e negli adolescenti, essi spesso non vengono diagnosticati e trattati. Sfortunatamente, il soffrire di un disturbo ansioso durante l’infanzia o l’adolescenza espone l’individuo ad un rischio maggiore di sviluppare nella vita adulta altri disturbi ansiosi e altre patologie psichiatriche. Questo articolo rivede la fenomenologia, il decorso longitudinale, la neurofisiologia e il trattamento di bambini e adolescenti con disturbi ansiosi. Una recente ricerca supporta l’ipotesi di una combinazione tra fattori genetici e ambientali che contribuirebbero alla comparsa dei disturbi ansiosi in gioventù. I progressi tecnologici, particolarmente per quanto riguarda la diagnostica per immagini, hanno consentito di fare progressi circa la comprensione degli aspetti biologici legati al processo emozionale. Inoltre, la ricerca metodologicamente rigorosa sul trattamento, sia da un punto di vista psicosociale che farmacologico, ha fornito dati a favore dell’ipotesi che la terapia cognitivo-comportamentale e l’utilizzo degli inibitori selettivi del re-uptake della serotonina, o una combinazione tra loro, rappresentano forse i trattamenti più efficaci per i giovani affetti da disturbi ansiosi. C’è una chiara necessità di aumentare l’attenzione dei medici e degli educatori circa l’impatto a lungo termine dei disturbi ansiosi nei bambini e negli adolescenti. Inoltre, per sperare di migliorare il decorso di questi giovani nella vita adulta, sono necessarie ulteriori ricerche per poter identificare accuratamente i sintomi dell’ansia nella fase dello sviluppo e per instaurare trattamenti efficaci sin dalle fasi precoci dei disturbi ansiosi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail