Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2009 June;50(2) > Minerva Psichiatrica 2009 June;50(2):99-106

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Psichiatrica 2009 June;50(2):99-106

lingua: Italiano

Qualità di vita e psicopatologia nella schizofrenia

Giugiario M., Birindelli N., Mingrone C., Montemagni C., Sigaudo M., Zappia S., Rocca P.

Sezione di Psichiatria Dipartimento di Neuroscienze Università degli Studi di Torino, Torino, Italia


PDF  


Metodi. Per questo studio sono stati arruolati 92 pazienti ambulatoriali consecutivi con diagnosi di schizofrenia in fase stabile di malattia. La valutazione psichiatrica è stata effettuata tramite la Positive and Negative Syndrome Scale, la Calgary Depression Scale for Schizophrenia, la Clinical Global Impression-Severity Scale e la Quality of Life Scale (QLS). Tutte le variabili cliniche e demografiche significativamente correlate ai punteggi della QLS sono state successivamente analizzate utilizzando una regressione multipla stepwise per valutare il loro contributo indipendente alla qualità di vita.
Risultati. I sintomi negativi e la gravità di malattia sono risultati predittori del punteggio totale della QLS (38% di varianza spiegata) e del dominio della QLS dei fondamenti intrapsichici, mentre la gravità di malattia come unico fattore ha dimostrato avere un’influenza sui domini del ruolo occupazionale e degli oggetti e attività di uso comune. I sintomi positivi risultano avere un ruolo marginale nel dominio delle relazioni interpersonali, insieme con i sintomi negativi. Infine, i sintomi depressivi non sembrano essere correlati alla qualità di vita nel nostro campione.
Conclusioni. Questi risultati suggeriscono che i sintomi negativi e la gravità di malattia hanno un ruolo predominante nell’influenzare la qualità di vita di questi pazienti e che i vari domini della qualità di vita hanno differenti predittori. Inoltre, alla luce di questi dati, bisogna sottolineare che trattamenti volti a migliorare la qualità di vita nella schizofrenia in fase stabile dovrebbero focalizzarsi in particolare sui sintomi negativi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail