Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2009 March;50(1) > Minerva Psichiatrica 2009 March;50(1):55-78

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  MALATTIA DI PARKINSON


Minerva Psichiatrica 2009 March;50(1):55-78

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

La tomografia a emissione di positroni nel morbo di Parkinson

Politis M., Wu K., Piccini P.

Division of Clinical Neurosciences MRC Clinical Sciences Centre Faculty of Medicine, Hammersmith Hospital Imperial College London, London, UK


PDF  


La tomografia ad emissione di positroni (positron emission tomography, PET) è una tecnica utile nella valutazione e interpretazione della complessa anatomia funzionale dei gangli della base. Questa metodica può inoltre aiutare a chiarire i meccanismi fisiopatologici che sono alla base del processo degenerativo e della evoluzione dei sintomi nel Morbo di Parkinson. In questa review sarà discusso il ruolo potenziale delle imagini PET nella valutazione della funzione dopaminergica e non-dopaminergica nel contesto del Morbo di Parkinson, l’uso della PET come marker biologico nella diagnosi differenziale del parkinsonismo tipico e atipico, nel monitorare la progressione della malattia e nel chiarire i meccanismi alla base delle fluttuazioni motorie, le discinesie e i sintomi non motori. Sarà inoltre discusso il ruolo delle immagini funzionali nella valutazione della efficacia delle strategie neuroprotettive e neurorestorative nel Morbo di Parkinson. In futuro, se i costi lo permetteranno, la PET potrebbe rappresentare un’aggiunta considerevole alla valutazione clinica di routine per facilitare la comprensione delle complicazioni della terapia e la gestione dei pazienti parkinsoniani.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail