Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2009 March;50(1) > Minerva Psichiatrica 2009 March;50(1):45-53

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  MALATTIA DI PARKINSON


Minerva Psichiatrica 2009 March;50(1):45-53

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Dietro il volto mascherato: depressione e morbo di Parkinson

Bahroo L. B. 1, Appleby B. S. 2

1 Department of Neurology Georgetown University Hospital Washington DC, USA 2 Division of Geriatric Psychiatry and Neuropsychiatry Department of Psychiatry and Behavioral Sciences Johns Hopkins University School of Medicine Baltimore, MD, USA


PDF  


La depressione è la manifestazione neuropsichiatria più comune del morbo di Parkinson. La diagnosi di depressione rappresenta una sfida, dal momento che i sintomi possono essere mascherati dalla presentazione del morbo di Parkinson. La mancanza di attenzione clinica, di screening, le informazioni incomplete fornite dai pazienti o dal personale di assistenza e gli aspetti relativi alle stigmate della malattia non fanno che aumentare la difficoltà della sfida. La depressione nel morbo di Parkinson si presenta principalmente con sintomi quali l’anedonia, l’apatia e l’irritabilità, rispetto ai sintomi della depressione primitiva. I sintomi della depressione nel morbo di Parkinson possono variare dalla depressione maggiore alla depressione subsindromica, che compare durante le fluttuazioni motorie. Sono stati proposti diversi meccanismi eziologici, tra cui lo sbilanciamento dei neurotrasmettitori, la degenerazione neuronale, la predisposizione genetica e la depressione reattiva. Il meccanismo alla base della depressione nel morbo di Parkinson può essere multifattoriale con diverse eziologie concomitanti. Recentemente, la stimolazione cerebrale profonda dei pazienti ha focalizzato l’attenzione sulla depressione nel morbo di Parkinson, specificamente sull’importanza della diagnosi prima dell’intervento chirurgico e del follow-up. Viene raccomandata una gestione multidisciplinare della depressione, che comprenda la psicoterapia, la farmacoterapia e la terapia elettroconvulsivante per i pazienti refrattari. La psicoterapia può avere un ruolo al momento della diagnosi iniziale e nei momenti in cui si ha peggioramento della disabilità. Gli inibitori selettivi del re-uptake della serotonina sono sicuri e tollerabili. Gli antidepressivi triciclici sono efficaci ma meno tollerati nella popolazione più anziana. Gli agonisti della dopamina possono essere efficaci per migliorare la depressione, l’apatia e i sintomi motori. Per aumentare la nostra conoscenza sulla prevalenza, manifestazione, screening e trattamento della depressione nel morbo di Parkinson sono necessari ulteriori studi. La depressione non trattata può essere estremamente disabilitante e può deteriorare significativamente la qualità di vita del paziente e delle persone che lo assistono.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail