Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2008 Giugno;49(2) > Minerva Psichiatrica 2008 Giugno;49(2):129-43

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus

 

Minerva Psichiatrica 2008 Giugno;49(2):129-43

 REVIEW

Valutazione e trattamento dello stress nei pazienti con cancro: visione d’insieme e direzioni future

Lo C. 1,2, Li M. 1,2, Rodin G. 1,2

1 Behavioural Sciences and Health Research Division Toronto General Research Institute University Health Network, Toronto, Canada
2 Department of Psychosocial Oncology and Palliative Care, Princess Margaret Hospital and Psychosocial Oncology and Palliative Care Research Division Ontario Cancer Institute University Health Network, Toronto, Canada

Il cancro è comunemente associato ad una condizione di stress, in qualsiasi stadio del suo decorso. Vi è stata una sempre maggiore consapevolezza della necessità di identificare, prevenire e trattare tale stress, sebbene si sia ancora in una fase di costruzione dell’esperienza circa il beneficio derivante da interventi specifici. Vengono discusse le presentazioni cliniche dello stress, che si innesta su un continuum che va dalla tristezza non patologica alla depressione maggiore, e vengono rivisti gli aspetti relativi alla sua valutazione e trattamento. Una recente ricerca fornisce pochi dati a favore del beneficio derivante sia dagli interventi psicosociali che farmacologici, sebbene sia necessario uno studio ulteriore per valutare l’impatto dello screening di routine per lo stress e il triage relativo all’assistenza psicosociale. Vengono presentati dati a supporto del modello multifattoriale per la comparsa dello stress e vengono presentate alcune raccomandazioni circa le future direzioni di ricerca in questo settore. Queste comprendono lo sviluppo di interventi più mirati, ponendo attenzione alle caratteristiche specifiche e alle necessità dei pazienti e delle famiglie e ai potenziali contributi biologici allo stress. Gli sforzi per prevenire e alleviare lo stress in tutti gli stadi della malattia sono importanti per ridurre la sofferenza e preservare la qualità di vita del paziente affetti da tumore. Tali approcci sono probabilmente più efficaci se utilizzati precocemente nel corso della malattia e integrati con cure palliative e assistenza di routine. Il loro ampio impiego può richiedere un nuovo e più moderno modo di fornire assistenza, ad esempio con gruppi di intervento, counselling telefonico, utilizzo di internet. In effetti, l’attenzione posta nei confronti dello stress nei pazienti affetti da tumore e da altre patologie può essere di aiuto nell’assicurarsi che l’assistenza fornita sia completa e mirata al paziente, ponendo al centro il benessere e la qualità di vita del soggetto malato.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina