Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2008 Marzo;49(1) > Minerva Psichiatrica 2008 Marzo;49(1):19-27

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Psichiatrica 2008 Marzo;49(1):19-27

lingua: Italiano

Il disturbo d’ansia come comorbidità in medicina: aspetti di psichiatria di liaison

Gentile E., Zullo G., Sterpone S. C. M., Macario P. F., Lerda S., Munno D.

Sezione di Psichiatria Dipartimento di Neuroscienze Università di Torino, Torino


PDF  


Obiettivo. I disturbi d’ansia, sia così definiti secondo il Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM-IV-TR) sia nelle forme sottosoglia, sono fra i disturbi psichiatrici più frequenti nell’ospedale generale. L’obiettivo di questo studio è stato quello di fornire una valutazione degli aspetti clinici e terapeutici dell’ansia nell’ospedale generale differenziando i disturbi d’ansia dalle forme sottosoglia.
Metodi. Lo studio si basa sulle consulenze psichiatriche effettuate dal Servizio di Psicologia Clinica e Psichiatria di Consultazione su un campione di 388 pazienti, nell’arco di un anno. Sono state analizzate le frequenze dei disturbi d’ansia e dei disturbi d’ansia sottosoglia relativamente al totale dei 388 pazienti e ad alcune variabili quali età, sesso, differenti patologie organiche associate e presenza di somatizzazioni. Sono state inoltre esaminate le frequenze relative alla prescrizione delle diverse classi di psicofarmaci. I dati sono stati sottoposti ad analisi statistiche.
Risultati. Da questo studio emergono: una maggiore prevalenza del disturbo d’ansia sottosoglia rispetto al disturbo d’ansia strutturato; una maggiore associazione delle patologie cardiovascolari, rispetto ad altre patologie mediche, con i disturbi d’ansia sottosoglia; una comorbidità nel 70% dei casi delle forme sottosoglia con disturbi depressivi. Inoltre gli interventi terapeutici in psichiatria di consultazione sono soprattutto di tipo psicofarmacologico.
Conclusioni. L’elevata prevalenza delle forme sottosoglia ci porta a sottolineare l’importanza di una tempestiva diagnosi, in particolare in pazienti affetti da patologie cardiovascolari, al fine di prevenire l’evoluzione verso disturbi più gravi e invalidanti. Sarebbe auspicabile, inoltre, valorizzare maggiormente l’intervento psicoterapico, sia come percorso parallelo alla patologia medica sia come presa in carico successiva alla dimissione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail