Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2008 March;49(1) > Minerva Psichiatrica 2008 March;49(1):9-17

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Psichiatrica 2008 March;49(1):9-17

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Studio dei profili psicopatologici e delle abilità cognitive in una popolazione di alcolisti italiani

Vitali M. 1, Pacini M. 1, Attilia M. L. 1, Romeo M. 1, Lucidi F. 2, Ciccareli M. R. 1, Urso F. A. 1, Grano C. 2, Ceccanti M. 1

1 Alcohol Unit, Clinical Medicine Department University “La Sapienza”, Rome, Italy
2 Department of Psychology University “La Sapienza”, Rome, Italy


PDF  


Obiettivo. I profili psicopatologici degli alcolisti sono indagati sin dagli anni ’40 del secolo scorso: molti studi hanno identificato la presenza di sottogruppi omogenei di pazienti anche rispetto ad altre variabili psicosociali.
Scopo di questo studio è quello di verificare l’eventuale esistenza di sottogruppi omogenei rispetto a una popolazione di alcolisti italiani che frequentano il Day Hospital del centro alcologico della Università La Sapienza di Roma.
Metodi. Nel presente studio sono stati inseriti 157 soggetti (età media 44,5 anni, SD+/-11,3 anni; 119 maschi e 38 femmine), selezionati da una popolazione di 640 pazienti ricoverati tra il 1996 e il 1999, per un periodo di 15 giorni di trattamento volontario.
Ai pazienti sono stati somministrati dei test per valutare la dipendenza da alcol, il profilo cognitivo e alcune abilità cognitive.
Risultati. Dai test emerge che è possibile suddividere i pazienti in due cluster: cluster 1 pazienti gravemente alcol-dipendenti, con elevati punteggi in tutte le scale del MMPI e con un profilo 2-4-8-1, F>70T; cluster 2 pazienti con un’alcol-dipendenza meno importante e con un profilo MMPI nei limiti della norma. Non sono state rilevate, tra i due gruppi, differenze statisticamente significative riguardo alle abilità cognitive indagate.
Conclusioni. I dati raccolti suggeriscono come i profili di personalità possano essere correlati alla severità delle dipendenza da alcol e potrebbero essere anche indipendenti dalla sua azione tossica sul sistema nervoso centrale. Per quanto riguarda i pazienti del gruppo 1, la cura dei sintomi psicopatologici potrebbe migliorare la loro aderenza al trattamento della dipendenza alcolica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail