Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2007 September;48(3) > Minerva Psichiatrica 2007 September;48(3):269-75

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Psichiatrica 2007 September;48(3):269-75

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Fattori di performance fisiologici in diverse classi di peso di atleti di sesso maschile di Tae-kwon-do

Chen J. C. 1, Lin Z. P. 1, Chen K. T. 2, Hsieh C. C. 3, Yang R. S. 4

1 Department of Physical Education Physical Education Chin-min College, Taiwan 2 Department of Genenal Education Ming Hsin University of Science and Technology, Hsinchu, Taiwan 3 Department of Physical Education National Hsinchu University of Education, Hsinchu, Taiwan 4 Department of Orthopaedics National Taiwan University Hospital, Taipei, Taiwan


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo lavoro era valutare gli effetti dei relativi fattori fisiologici sulla performance di allenamento tra atleti in diverse classi di peso.
Metodi. Ventisette studenti di sesso maschile della divisione I di Tae-kwon-do (TKD) sono stati arruolati nello studio. Ciascun soggetto è stato sottoposto a un programma di allenamento treadmill fino a completo esaurimento con velocità di partenza di 15 mph, con incremento di 5 mph ogni 2 min. La frequenza cardiaca (heart rate, HR) e il consumo d’ossigeno sono stati analizzati con un radioregistratore cardiaco (POLAR) e analizzatore di gas V max 29. L’analisi statistica è stata effettuata con One-Way ANOVA Repeated Scheffe.
Risultati. Il gruppo 3 di atleti TKD ha mostrato un minor HRmax rispetto al gruppo 1 e 2 (P<0,05). Inoltre, il gruppo 3 ha registrato un minor V.O2max rispetto agli atleti del gruppo 1 e 3 (P<0,05), come pure livelli più bassi di acido lattico (P<0,05). Per quanto riguarda l’urobilinogeno postesercizio a 15 min, gli atleti del gruppo 3 hanno registrato un livello significativamente superiore rispetto ai soggetti del gruppo 1 e 2 (P<0,05). Gli atleti del gruppo 2 hanno avuto un livello di urobilinogeno significativamente più alto rispetto al gruppo 1 e 3 (P<0,05). I risultati hanno evidenziato una miglior performance del gruppo 1 rispetto agli altri due gruppi.
Conclusioni. Gli atleti TKD nelle differenti classi di peso hanno registrato differenti livelli di V.O2max e urobilinogeno. Perciò, i dati (V.O2max, livelli ematici di acido lattico, urobilinogeno e output cardiaco) possono essere utilizzati come riferimento sia per gli allenatori sia per gli atleti per comprendere la condizione fisica dell’atleta TKD.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail