Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2007 June;48(2) > Minerva Psichiatrica 2007 June;48(2):129-41

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Psichiatrica 2007 June;48(2):129-41

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Profilo di efficacia e tollerabilità dell’escitalopram rispetto agli altri farmaci antidepressivi nel trattamento acuto della depressione maggiore: revisione sistematica e meta-analisi

Pontarollo F., Cipriani A., Signoretti A., Girardi S., Barbui C.

Sezione di Psichiatria e Psicologia Clinica, Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica, Università degli Studi di Verona, Verona


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo studio è valutare efficacia e profilo di tollerabilità di escitalopram nel confronto con tutti gli altri antidepressivi attualmente in commercio in Italia.
Metodi. La revisione si è basata su evidenze provenienti da soli studi clinici controllati e randomizzati. Sono stati inclusi pazienti di entrambi i sessi e senza limitazioni di età con diagnosi primaria di episodio depressivo maggiore. Sono stati esclusi pazienti con comorbidità psichiatrica ed organica. L’efficacia è stata valutata considerando il numero di pazienti che rispondono al trattamento (soggetti che presentano una riduzione almeno pari al 50% al punteggio a una scala standardizzata tra baseline ed endpoint). L’accettabilità è stata valutata sulla base del numero totale di dropout. Le analisi sono state espresse come rischio relativo, con un intervallo di confidenza del 95% e state condotte sempre sul totale dei pazienti randomizzati (intention to treat analysis)
Risultati. Partendo da un totale di 137 referenze, sono stati identificati 7 trial randomizzati e controllati che rispondevano ai criteri di inclusione, per un totale di 2 164 pazienti. Riguardo l’efficacia escitalopram è risultato statisticamente superiore solo rispetto a citalopram. Per ciò che concerne l’accettabilità, escitalopram è risultato superiore, anche se in misura appena significativa, rispetto a fluoxetina e citalopram. Non sono emerse differenze significative nei confronti di fluoxetina e venlafaxina.
Conclusioni. Sebbene i risultati suggeriscano un miglior profilo di efficacia e tollerabilità dell’escitalopram rispetto al citalopram in misura statisticamente significativa, l’esiguo numero di studi e di confronti ad oggi realizzati impedisce di trarre conclusioni clinicamente significative da un punto di vista clinico, anche considerando i problemi legati alla qualità delle evidenze oggi disponibili.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail