Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2007 March;48(1) > Minerva Psichiatrica 2007 March;48(1):119-27

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Psichiatrica 2007 March;48(1):119-27

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il rapporto luce solare-funzionamento mentale e la ghiandola pineale

Bossini L., Valdagno M., Padula L., Castrogiovanni P.

Unità di Psichiatria Dipartimento di Neuroscienze Policlinico Le Scotte Università degli Studi di Siena, Siena


PDF  


Nei soggetti sani, la melatonina, che regola il ritmo di molte funzioni biologiche, mostra un andamento circadiano, sincronizzato con il ciclo giorno-notte. La melatonina permette la regolazione dei ritmi biologici e fa sì che gli organismi mantengano un equilibrio cronobiologico dinamico fondamentale per l’omeostasi, che permette agli esseri viventi di modularsi sulle modificazioni ambientali. La luce ha diversi effetti sull’organismo e, sebbene non si conoscano i meccanismi specifici, è largamente confermato che la luce agisce sul sistema nervoso centrale a diversi livelli. L’umore è il primo parametro che sembra essere coinvolto nella relazione tra la luce ed il funzionamento mentale. Un’alterazione del ritmo di secrezione della melatonina è stata riscontrata in diversi disturbi psichiatrici (disturbo affettivo stagionale, disturbo bipolare, depressione unipolare, bulimia, anoressia, schizofrenia, disturbo di panico, disturbo ossessivo compulsivo) e sembra influire sia sulla stagionalità di esordio che di ricorrenza di molti disturbi; potrebbe essere coinvolta anche la stagione di nascita. Al momento, non sappiamo se tali alterazioni abbiano un ruolo eziologico o se siano secondarie alle disfunzioni sottostanti i disturbi psichiatrici. In più non sappiamo se il coinvolgimento della melatonina abbia lo stesso significato nella psicopatologia dei diversi disturbi. Se l’influenza della luce sui disturbi dell’umore è relativamente ben conosciuta, questa non è stata ancora profondamente studiata nei disturbi d’ansia; in particolare, il disturbo di panico sembra essere il più suscettibile alle variazioni luminose. La comprensione del ruolo della melatonina e delle sue alterazioni nelle patologie psichiatriche potrebbe essere d’aiuto nell’identificazione dei meccanismi biologici sottostanti a tali disturbi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail