Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2007 Marzo;48(1) > Minerva Psichiatrica 2007 Marzo;48(1):75-86

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Psichiatrica 2007 Marzo;48(1):75-86

lingua: Italiano

La diagnosi strumentale della sindrome delle apnee ostruttive nel sonno nell’adulto: indicazioni e scelte delle diverse metodiche polisonnografiche in laboratorio e ambulatoriali

Cirignotta F., Ferlisi M., Mondini S.

Unità Operativa di Neurologia Policlinico S. Orsola-Malpighi Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna, Bologna


PDF  


La diagnosi della sindrome delle apnee ostruttive nel sonno (obstructive sleep apnea syndrome, OSAS) richiede una valutazione strumentale, tradizionalmente rappresentata dalla polisonnografia notturna in laboratorio, gold standard diagnostico. Essa è, però, un esame costoso e richiede la presenza continua di personale qualificato, nonché attrezzature e spazi dedicati. Vista l’elevata prevalenza di questa sindrome nella popolazione generale e il continuo aumento di richieste di indagini cliniche e strumentali, negli ultimi anni si sono sviluppate diverse metodiche di indagine polisonnografica alternative, più semplici ed economiche, basate su sistemi portatili costruiti per essere utilizzati al di fuori del laboratorio del sonno. Secondo le linee guida americane, tali sistemi non sono affidabili per la diagnosi di OSAS, se eseguiti in modo non assistito, e il loro uso è riservato a particolari situazioni. Nella pratica clinica, l’uso ambulatoriale di tali sistemi è, tuttavia, molto comune. In Italia, un gruppo ad hoc promosso dall’Associazione Italiana di Medicina del Sonno (AIMS) e dall’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri (AIPO) ha elaborato linee guida diagnostiche, che prevedono l’uso dei sistemi ambulatoriali per la diagnosi di OSAS, cercando di ridurre la possibilità di errori diagnostici orientando la scelta del tipo di esame strumentale da usare in base al quadro clinico del paziente, secondo algoritmi basati sui sintomi e segni clinici. Il principio è che maggiore è la gravità del quadro clinico (diagnosi di OSAS altamente probabile), più semplice può essere il sistema strumentale usato per la diagnosi. Questo modello dovrà, tuttavia, essere sviluppato e sono necessari studi clinici che permettano di validarlo secondo criteri basati sull’evidenza scientifica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail