Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2007 March;48(1) > Minerva Psichiatrica 2007 March;48(1):43-53

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Psichiatrica 2007 March;48(1):43-53

lingua: Italiano

Il trattamento della schizofrenia

Mazza M. 1, Di Nicola M. 1, Martinotti G. 1, Taranto C. 1, Janiri L. 1, Bria P. 1, Mazza S. 2

1 Istituto di Psichiatria e Psicologia Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma
2 Dipartimento di Neuroscienze Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma


PDF  


La schizofrenia è un disturbo cronico che influenza tutti gli aspetti della vita delle persone che ne sono affette e, pertanto, un piano di trattamento deve porsi gli obiettivi di ridurre o eliminare i sintomi, migliorare la qualità della vita e le capacità adattative, promuovere e mantenere il recupero dagli effetti disabilitanti della malattia il più a lungo possibile. Sin dagli anni ’50, i farmaci antipsicotici hanno rappresentato la base del trattamento della schizofrenia. La scoperta della clozapina negli anni ’70 ha aperto la strada all’introduzione di nuovi farmaci, in genere definiti come atipici per il loro diverso meccanismo d’azione e, in particolare, per una minore tendenza a causare effetti collaterali extrapiramidali. Anche se gli interventi farmacologici costituiscono il presidio fondamentale del trattamento della schizofrenia, la risposta parziale di alcuni soggetti ai farmaci antipsicotici, l’elevata incidenza di effetti collaterali e la scarsa adesione alla terapia hanno reso necessari approcci più ampi. Nell’ambito di un approccio integrato, gli interventi psicosociali possono migliorare l’andamento clinico della schizofrenia quando associati con i trattamenti farmacologici. Possono determinare, inoltre, effetti benefici aggiuntivi per i pazienti in diverse aree, quali la prevenzione delle ricadute, l’incremento delle capacità adattative, il funzionamento sociale e lavorativo e l’acquisizione di una maggiore indipendenza.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail