Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2006 December;47(4) > Minerva Psichiatrica 2006 December;47(4):255-63

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Psichiatrica 2006 December;47(4):255-63

lingua: Italiano

Sintomatologia premestruale in pazienti con disturbi psichiatrici: valutazione clinica in un servizio ambulatoriale specialistico

Giardinelli L., Forconi S., Valgiusti S., Rotella F.

Dipartimento di Scienze Neurologiche e Psichiatriche Clinica Psichiatrica AOU Careggi, Firenze


PDF  


Obiettivo. Scopo del nostro studio è la valutazione della prevalenza di sintomatologia premestruale in pazienti che accedono a un servizio ambulatoriale psichiatrico per problemi non direttamente correlati al periodo premestruale. È stata, inoltre, considerata l’eventuale comorbilità con disturbi psichiatrici e la presenza di sensitività interpersonale come fattore di vulnerabilità per il manifestarsi di sintomatologia premestruale e disturbi affettivi.
Metodi. Abbiamo effettuato uno screening clinico-diagnostico su un campione di 53 donne in età fertile afferenti all’Ambulatorio per la Salute Mentale della Donna dell’A.O.U. Careggi di Firenze nel periodo compreso tra giugno 2005 e gennaio 2006. A ciascun soggetto sono stati somministrati: Premenstrual Assessment Form (PAF) per valutare presenza e gravità di sintomatologia premestruale, Behavior and Symptoms Identification Scale (BASIS-32), per valutare la percezione soggettiva della sintomatologia psichiatrica e l’Interpersonal Sensitivity Measure (IPSM) per la sensitività interpersonale. Gli stessi questionari sono stati somministrati a 53 soggetti di controllo. Risultati. è stata rilevata una differenza significativa fra i 2 gruppi nelle risposte al PAF, al BASIS-32 (P<0,001) e all’IPSM (P<0,001) con punteggi più elevati nel gruppo delle pazienti. Fra queste è rilevante la maggiore prevalenza di sindrome premestruale (SPM) (P<0,001) e, in particolare, di disturbo disforico premestruale (DDPM) (P<0,001).
Conclusioni. Dai nostri dati emerge che tra le pazienti affette da patologia psichiatrica esiste un’alta prevalenza di SPM/DDPM. La presenza, inoltre, di elevati livelli di sensitività interpersonale potrebbe rappresentare un fattore di vulnerabilità sia per il manifestarsi di sintomatologia premestruale sia per l’insorgenza di disturbi affettivi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail