Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2006 June;47(2) > Minerva Psichiatrica 2006 June;47(2):115-27

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Psichiatrica 2006 June;47(2):115-27

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La formulazione della diagnosi nella psichiatria di liaison: inquadramento nosografico e questioni aperte

Bellino S., Fenocchio M., Paradiso E., Zizza M., Bogetto F.

Sezione di Psichiatria Dipartimento di Neuroscienze Università degli Studi di Torino, Torino


PDF  


La psichiatria di liaison integra la psichiatria con le altre discipline specialistiche. La diagnosi psichiatrica in questo contesto è formulata attraverso i medesimi criteri e strumenti della psichiatria generale, tra cui il principale è il colloquio clinico, con cui si effettuano l’anamnesi e l’esame psichico diretto. La diagnosi può essere confermata da specifici test e scale psicometriche. Nella liaison le diagnosi che possono essere individuate sulla base del DSM-IV sono: disturbo psichiatrico in comorbilità con un disturbo medico generale, disturbo mentale dovuto a una condizione medica generale, disturbi dell’adattamento e disturbi somatoformi. La presenza di un disturbo psichico può condizionare significativamente l’esito della patologia organica.
Particolare rilevanza assumono nella liaison i sintomi subsindromici, meritevoli di cure per gli effetti sul decorso delle malattie somatiche e per il rischio di evolvere in un disturbo psichiatrico conclamato.
è importante la collaborazione dello psichiatra con specialisti di altre unità operative: in questo articolo sono esemplificati l’utilità di una valutazione preoperatoria nel setting di chirurgia estetica e nell’ambito dei trapianti d’organo per escludere fenomeni psicopatologici che potrebbero condizionare il risultato degli interventi. Inoltre sono esposti dati che sottolineano l’utilità della collaborazione dello specialista psichiatra con i medici di medicina generale. Si può affermare che il ruolo dello psichiatra è significativo in diversi contesti clinici per diagnosticare sintomi o disturbi psichiatrici in pazienti con patologie somatiche, contribuendo a definire i protocolli diagnostico-terapeutici e offrendo una collaborazione continuativa con l’équipe curante, indispensabile a valutare e armonizzare le dinamiche relazionali con i pazienti e i loro familiari.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail