Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2005 December;46(4) > Minerva Psichiatrica 2005 December;46(4):249-60

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Psichiatrica 2005 December;46(4):249-60

lingua: Italiano

Gli effetti della relazione medico-paziente sulla prescrizione farmacologica. Un'analisi critica

Bellino S., Zizza M., Paradiso E., Panaia R., Bogetto F.


PDF  


Nella prescrizione della terapia farmacologica svolge un ruolo fondamentale la relazione medico-paziente, che risulta condizionata dall'interazione di molteplici fattori inerenti le caratteristiche e le reazioni di fronte alla malattia da parte del paziente, dell'équipe curante e dei familiari. Nel presente articolo sono descritte le tipizzazioni della relazione medico-paziente, con particolare riferimento ai tre modelli di Von Gebsattel, Schneider e Kaplan.
Inoltre sono stati presi in esame i fattori psichici che incidono in maniera significativa sulla prescrizione farmacologica, sul decorso e l'esito del trattamento: l'effetto placebo, ovvero l'effetto terapeutico aspecifico che si esercita sulla base di meccanismi psicologici; la compliance al trattamento, che indica l'adesione di un paziente alle prescrizioni del curante; la farmacofobia, rifiuto fobico dei farmaci e la farmacofilia, tendenza alla loro eccessiva assunzione. In particolare, per quanto riguarda il trattamento dei disturbi psichici, a questi fattori si aggiungono quelli determinati dalle complesse dinamiche relazionali che si esplicano nel caso di un trattamento combinato, che associa all'intervento farmacologico quello psicoterapeutico.
L'insieme dei fattori che abbiamo elencato risulta profondamente condizionato dalla relazione terapeutica e a sua volta influenza le dinamiche relazionali che si stabiliscono all'interno del rapporto medico-paziente. Da queste considerazioni emerge l'importanza di una formazione specifica del medico, che deve raggiungere un'adeguata consapevolezza di queste dinamiche e il loro ruolo sull'esito stesso dell'intervento terapeutico. In questa prospettiva, viene fatto cenno al programma di attività seminariali sulla relazione medico-paziente che è stato recentemente attivato presso il Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia di Torino.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail