Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2005 Giugno;46(2) > Minerva Psichiatrica 2005 Giugno;46(2):89-98

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Psichiatrica 2005 Giugno;46(2):89-98

lingua: Inglese

Acute, continuation and maintenance phases of antidepressant treatment

Mauri M. C., Volonteri L. S., Colasanti A., Panza G.


PDF  


La depressione è un disturbo cronico ad alta prevalenza nella popolazione generale caratterizzato da un'elevata frequenza di recidive e che richiede, pertanto, un trattamento di mantenimento a lungo termine.
Il presente articolo è una review degli studi clinici riguardanti la terapia del disturbo depressivo. In particolare, vengono approfondite, tramite una revisione dei dati di letteratura, le 3 distinte fasi di trattamento: acuta, continuativa e di mantenimento o profilassi. La fase acuta riguarda la stabilizzazione dei sintomi e dura abitualmente 2 o 3 mesi; la fase continuativa implica 3 o 4 mesi addizionali di terapia e si prefigge lo scopo di prevenire le ricadute; la fase di mantenimento ha una durata minima di alcuni anni ed è raccomandata nei pazienti a più elevato rischio di recidiva.
Dagli studi si evidenzia come un'adeguata durata del trattamento antidepressivo sia correlata, oltre che al miglioramento della sintomatologia, al recupero del funzionamento e delle prestazioni lavorative, alla prevenzione delle ricadute. Con ciò si assiste anche a un miglioramento della qualità della vita dei pazienti e a una riduzione dei costi sociali della malattia.
Il trattamento del disturbo depressivo comprende, oltre alla fase acuta, la messa in atto di strategie di prevenzione delle recidive e un trattamento articolato a lungo termine. In pazienti a elevato rischio di recidiva, è indicato il mantenimento della terapia nel lungo termine, anche per diversi anni.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail