Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2003 Dicembre;44(4) > Minerva Psichiatrica 2003 Dicembre;44(4):225-34

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Psichiatrica 2003 Dicembre;44(4):225-34

lingua: Italiano

La gestione delle risorse umane

Pellegrino F.


PDF  


Parlare oggi di burn-out e stress lavorativo sembra voler ripetere con monotonia lamentele conosciute e vecchie quanto il mondo.
Che il lavoro sia fonte di stress e che lo stress comporti conseguenze negative per l'individuo lo sappiamo da tempo, e ciò è ancora più vero se si parla di operatori sanitari, assistenti sociali, poliziotti, sacerdoti, ovvero di tutte quelle professioni d'aiuto (le helping professions) in cui il carico emotivo dell'attività professionale appare più rilevante rispetto ad altre.
Lo stress lavorativo è presente in ogni attività professionale in cui lo si vada a cercare. Per tali motivi è importante investire su programmi di prevenzione dello stress lavorativo.
Nel presente lavoro viene analizzato l'impatto negativo dello stress sulla crescita personale e aziendale e l'ulteriore danno che consegue alla mancanza di un adeguato sviluppo professionale.
Saranno analizzati i protagonisti - l'azienda e l'individuo - dello stress lavorativo fino a delineare alcune strategie pratiche per lo sviluppo di programmi preventivi rispetto all'insorgenza di condizioni di distress, ma soprattutto di programmi tesi a valorizzare le risorse umane.
Finalmente le Aziende cominciano a investire risorse nella formazione del personale, a credere nelle potenzialità espressive delle risorse umane, ma è ancora presto per poter essere soddisfatti degli investimenti realizzati e dei risultati conseguiti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail