Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2003 December;44(4) > Minerva Psichiatrica 2003 December;44(4):201-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Psichiatrica 2003 December;44(4):201-6

lingua: Inglese

Therapeutic effects of clomipramine in endogenous depression. Personal experience

Ros L.T.


PDF  


Obiettivo. La clomipramina è un antidepressivo a struttura triciclica, un derivato della dibenzoazepina, ed è stata introdotta come trattamento nel 1963 da Kuhn. L'azione terapeutica si osserva normalmente dopo 7 giorni di somministrazione.
Metodi. La clomipramina è stata somministrata nel trattamento di pazienti esterni. Il farmaco è stato somministrato a 50 pazienti.
Risultati. Il 50% dei pazienti non presentavano sintomi di depressione al termine del trattamento. Il farmaco si è dimostrato inefficiente nella cura di leggere e transitorie tendenze suicide. Un migliore effetto si è osservato nel caso di tendenze suicide più acute e intense.
Conclusioni. Molti Autori ritengono che la clomipramina sia indicata soprattutto nella cura delle depressioni con inibizioni psicomotorie e sintomi ansiosi. Nella maggior parte dei casi, la clomipramina può essere considerata come farmaco d'elezione nel trattamento delle depressioni acute endogene con intense manifestazioni ossessivo-compulsive.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail