Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2003 Giugno;44(2) > Minerva Psichiatrica 2003 Giugno;44(2):75-82

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Psichiatrica 2003 Giugno;44(2):75-82

lingua: Italiano

Aggressività e disturbi della personalità. Valutazione dell'efficacia e dell'esistenza di fattori predittivi nel trattamento con fluvoxamina e litio

La Malfa G., Lampronti L., Bertelli M., Conte M., Cabras P.


PDF  


Obiettivo. L'aggressività è un fenomeno complesso riscontrabile in molti disturbi psichiatrici, tra i quali i disturbi di personalità. Molti studi sull'aggressività indicano un ruolo inibitore giocato dal sistema serotoninergico. La fluvoxamina, un inibitore del re-uptake della serotonina, è stato scelto come farmaco da testare per questo studio ed è stata comparata al placebo e al litio.
Il nostro obiettivo è stato di valutare l'esistenza di fattori predittivi di risposta positiva al trattamento antiaggressivo con fluvoxamina e litio in pazienti con disturbo di personalità.
Metodi. Sessantacinque pazienti conosciuti per il loro comportamento aggressivo sono stati selezionati e sottoposti ad un periodo di quattro settimane con placebo; 50 di essi incontrando i criteri di selezione per disturbi della personalità sono stato assegnati casualmente al gruppo della fluvoxamina e del litio per un periodo di trattamento di 180 giorni. Ogni mese sono state fatte valutazioni usando le seguenti scale: SRRS, GAS, 9-item SDAS, PFAV e SAS.
Risultati. Nei pazienti borderline risultano correlabili ad una risposta positiva al trattamento con fluvoxamina e litio il punteggio totale alla PFAV e il punteggio dell'item 1 della SAS, mentre nei pazienti antisociali, non è stata trovata alcuna correlazione significativa tra i punteggi di ciascuna scala di valutazione a tempo 0 e la risposta al trattamento.
Conclusioni. I risultati evidenziano che i punteggi alla PFAV e alla SAS area 1 a tempo 0, ossia rispettivamente la consapevolezza di malattia e l'adattamento sociale (particolarmente in ambito lavorativo) si correlano con una risposta positiva al trattamento con fluvoxamina e litio nei soli pazienti borderline.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail