Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2003 March;44(1) > Minerva Psichiatrica 2003 March;44(1):55-60

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Psichiatrica 2003 March;44(1):55-60

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Severe tardive dyskinesia in a bipolar patient successfully treated with novel atypical antipsychotic agent quetiapine

La Pia S., Campana F., Franco F., Cetrangolo C., Paudice C.


PDF  


Un paziente 66enne, affetto da disordine bipolare e con una storia di cronica assunzione di farmaci neurolettici, sviluppò una grave forma di discinesia tardiva (TD). Venne trattato con un antipsicotico atipico di recente introduzione, la quetiapina, un derivato della dibenzotiazepina. A distanza di 2 settimane dall'inizio della terapia, i sintomi della TD, in particolare una marcata disfagia, migliorarono significativamente. Dopo 4 settimane, la TD era quasi completamente risolta. Il miglioramento dei movimenti involontari e della sintomatologia affettiva continuò nelle settimane successive. A somiglianza della clozapina e di altri antipsicotici di recente introduzione, la quetiapina è attiva a livello di numerosi recettori cerebrali e possiede un elevato rapporto di legame con il recettore serotoninico 5-HT2 rispetto al recettore dopaminico D2. Sebbene l'esatto meccanismo patogenetico della TD rimanga non ben definito e non direttamente correlato al blocco del recettore D2, il legame transitorio e reversibile con i recettori D2 dimostrato dalla quetiapina e dalla clozapina potrebbe rendere conto della minore propensione di questi farmaci a produrre una TD e potrebbe pure svolgere un ruolo nell'efficacia dimostrata da questi farmaci nella terapia della stessa TD. In considerazione del più ampio margine terapeutico ch'essa possiede, la quetiapina potrebbe rappresentare un'utile alternativa alla clozapina, specialmente in alcuni sottogruppi di pazienti, come quelli affetti da disordine bipolare o di età avanzata. Queste considerazioni vanno confermate da ulteriori indagini allargate e controllate.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail