Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2002 Giugno;43(2) > Minerva Psichiatrica 2002 Giugno;43(2):131-40

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus

 

Minerva Psichiatrica 2002 Giugno;43(2):131-40

 REVIEW

Farmacopsichiatria e disagio sociale

Longo G., Brundusino A. O., Cairoli S.

Gli Autori propongono delle riflessioni sulla funzione degli psicofarmaci nella relazione tra disagio mentale e ingiustizia sociale, in particolare si tenta di sottolineare che il facile utilizzo deifica l'esistente introducendolo nel sentiero di un facile e illusorio benessere.
L'azione dello psichiatra in questo errore di valutazione da parte di ogni paziente-agente è fondamentale, a lui compete il ruolo fondamentale di scendere a patti con la soggettività, con la realtà di ogni esistente: è il mondo della vita che va compreso non gli elementi chimici del farmaco. È nell'incontro con il soggetto che si rappresenta in misura maggiore l'attenzione dello psichiatra quale integrazione tra individualità, formazione, professionalità del clinico e richiesta d'aiuto del paziente: l'elemento terapeutico si snoda tra la tecnica dell'intervento e lo stile dell'incontro.
Resta salvo il valore di questi ritrovati chimici quando vengono utilizzati per una vera patologia e non per una «patologia» normale cioè: malessere sociale.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina