Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2002 Giugno;43(2) > Minerva Psichiatrica 2002 Giugno;43(2):85-100

ULTIMO FASCICOLOMINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Psichiatrica 2002 Giugno;43(2):85-100

lingua: Italiano

Carico pratico ed emotivo delle famiglie in relazione alla psicopatologia e all'adattamento sociale di psicotici cronici lungoassistiti e alla diversa organizzazione dei servizi

Volterra V., Ruggeri M., De Ronchi D., Antonelli A., Belelli G., Mastrocola A., Veronesi S.


PDF  ESTRATTI


Obiettivo. Valutare il carico familiare, pratico ed emotivo di pazienti psicotici cronici seguiti dai Servizi Psichiatrici sul territorio.
Metodi. Lo studio è stato condotto in riferimento a soggetti, a carico di 4 diversi Servizi psichiatrici del Nord Italia, che a) rispondevano ai criteri dei DSM III R per la diagnosi di schizofrenia, disturbi deliranti o s. schizoaffettiva; b) erano in cura da almeno 10 anni presso questi Servizi; c) non erano stati istituzionalizzati, durante i precedenti tre anni, se non, alcuni, per breve tempo; d) avevano un parente «chiave» in contatto con loro e con i servizi stessi. I pazienti sono stati esaminati con la «Brief Psychiatric Rating Scale» e la «Global Assessement Functioning Scale»; i parenti con la «Social Behavior Assessment Scale».
Risultati. Sono stati esaminati settantanove soggetti. La compromissione dei pazienti è risultata più ampia sul piano del funzionamento sociale che in ambito psicopatologico. I parenti hanno sperimentato una notevole quantità di stress in conseguenza di certi comportamenti dei pazienti (in particolare aggressività verbale e non verbale, alcolismo, trascuratezza, miserabilità) e di alcune disabilità e incapacità (specificamente nei rapporti sessuali, nell'affettività, nelle possibilità di supporto, nel prendere decisioni, nella conversazione quotidiana; nelle attività giornaliere di «routine». Essi hanno denunciato molti problemi nelle aree della vita sociale, nella disponibilità di tempo per svaghi, nell'ambito della salute fisica e della vita emotiva; problemi molto frequentemente giudicati una conseguenza della presenza in famiglia del paziente e, causa di alti livelli di frustrazione. I familiari hanno giudicato il loro legame con i Servizi fonte di sollievo psicologico, ma non così efficiente in termini di aiuto pratico.
Conclusioni. I dati ottenuti indicano che anche quando questi psicotici cronici non hanno marcati sintomi psicopatologici. tuttavia il loro comportamento e la loro disabilità possono causare un alto carico pratico ed emotivo nelle famiglie. I Servizi psichiatrici inclusi in questo studio, hanno provveduto a dare un considerevole sollievo psicologico ai parenti e hanno garantito una continuità nell'assistenza. Tuttavia questi risultati segnalano che le strategie finalizzate ad attenuare il carico familiare dovrebbero essere ampliate.

inizio pagina