Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2002 March;43(1) > Minerva Psichiatrica 2002 March;43(1):1

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Psichiatrica 2002 March;43(1):1

lingua: Italiano

Bulimia e falso-Sé

Marocco Muttini C.


PDF  


Obiettivo. Secondo la Letteratura, nei casi di bulimia si riscontra frequentemente una personalità falso-Sé. Si è quindi voluto indagare attraverso il test di Rorschach se pazienti affette da sintomi bulimici presentassero tracce di questa organizzazione difensiva.
Metodi. In un gruppo di 12 pazienti con disoressia a seguito di esordio con anoressia e altre 12 con bulimia, già esordita in questa forma, è stato somministrato il test al momento della osservazione clinica o della presa in carico psicoterapeutica. Vengono presentate di ogni paziente brevi note anamnestiche e la lettura del test di Rorschach. Sono ricercati sia gli aspetti in comune sia le differenze nei test dei due gruppi e all'interno di ogni gruppo tra le singole pazienti.
Risultati. I test sono risultati variabili per struttura di personalità; pur riscontrando elementi conflittuali comuni riguardanti l'identità e la sessualità, hanno segni contradditori che riportano all'organizzazione borderline, più raramente alla struttura neurotica, in 2 casi alla struttura psicotica.
Conclusioni. Gli aspetti più concordanti tra i protocolli risultano essere quelli che segnalano difese falso-Sé, presenti in entrambi i gruppi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail