Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2001 Dicembre;42(4) > Minerva Psichiatrica 2001 Dicembre;42(4):305-14

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia

Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0374-9320

Online ISSN 1827-1731

 

Minerva Psichiatrica 2001 Dicembre;42(4):305-14

 REVIEW

Aspetti psicodinamici del suicidio e considerazioni terapeutiche sul paziente con condotta suicidaria

Morelli G., Cellucci A.

L'obiettivo è quello di esaminare le complesse dinamiche che portano al suicidio e di proporre una terapia del paziente con condotta suicidaria.
Nell'articolo, a tale scopo, vengono riportati:
a) I dati e le considerazioni epidemiologiche che permettono di formulare ipotesi sulle caratteristiche del potenziale paziente suicida.
b) Alcune riflessioni sul «suicidio razionale», con il tentativo di confutare l'idea che sia possibile preferire la morte alla vita in assenza di un disturbo psichico.
c) Un inquadramento del suicidio secondo un'ottica psicodinamica, in cui vengono prese in considerazione le teorie di Freud, Musatti, Rado, M. Klein, Blatt, Meissner, Hendin, Fenichel, Conforto, Marcenaro e Bowlby.
d) Un confronto con le ipotesi sistemico-relazionali, secondo le quali l'atto suicidario trae origine dall'interazione continua tra tutti i membri del sistema.
e) I fattori di rischio e la prevenzione del suicidio secondo le ipotesi di Ringel («sindrome pre-suicidaria»), di Beck (mancanza di speranza e impossibilità di aiuto) e di Tatarelli che suddivide la prevenzione in primaria, secondaria e terziaria.
f) La terapia del paziente con tendenze suicide, in cui viene enfatizzata l'importanza della relazione terapeutica che deve permettere la più ampia comunicazione possibile. La funzione terapeutica essenziale risulta essere la presa in carico del paziente, e non la risoluzione immediata del problema autodistruttivo, cioè il proporre «un luogo dove le idee del paziente possano trovare accoglimento» e dove può avere inizio un processo di ridimensionamento della visione delle situazioni attuali vissute come irrisolvibili.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina