Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2001 Dicembre;42(4) > Minerva Psichiatrica 2001 Dicembre;42(4):257-84

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Psichiatrica 2001 Dicembre;42(4):257-84

lingua: Italiano

Qualità di vita e condizioni ambientali. Studio su pazienti psichiatrici in ambito territoriale, semiresidenziale e residenziale

Viarengo E., Maio F.


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo lavoro è stato valutare la qualità di vita e di assistenza percepita da pazienti seguiti dal Dipartimento di Salute Mentale residenti in strutture residenziali o al domicilio, frequentanti strutture semiresidenziali.
Metodi. Disegno sperimentale: indagine condotta da febbraio a maggio 1999. Follow-up eseguito a 3-6-12-24 mesi. Ambiente dei pazienti in studio: comunità terapeutiche private. Strutture semiresidenziali dal DSM (CD-DH). Pazienti: tutti di nazionalità italiana, razza bianca. Sono stati osservati 89 pazienti: 38 (17 maschi e 21 femmine, età compresa tra 20-62 anni), nei centri diurni in Day Hospital e 51 (24 maschi e 27 femmine, età compresa tra 20-75 anni) in comunità terapeutiche. Intervento eseguito: i pazienti sono stati esaminati mediante questionario di autovalutazione: DISS, SASS, BPRS, CGI, VGF. Rilevamenti: è stata misurata la qualità di vita e di assistenza percepita.
Risultati. Per i pazienti residenti in comunità si è rilevata una discreta soddisfazione per l'assistenza percepita e buona compliance alla terapia farmacologica. I pazienti utenti dei Centri diurni - Day Hospital hanno migliore autonomia e capacità di gestione finanziaria, maggior numero di relazioni significative esterne.
Conclusioni. 1) Non c'è influenza tra psicopatologia, diagnosi psichiatrica e qualità della vita. C'è significativa correlazione con le scale ansia, depressione, sintomi negativi. 2) È migliore la soddisfazione dei pazienti residenti fuori dalle istituzioni. 3) II questionario di autovalutazione, di facile comprensione ha favorito capacità introspettive fornendo indicazioni gestionali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail