Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2001 Marzo;42(1) > Minerva Psichiatrica 2001 Marzo;42(1):33-42

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Psichiatrica 2001 Marzo;42(1):33-42

lingua: Italiano

Prognosi dei disordini del comportamento alimentare

Marocco Muttini C.


PDF  


Obiettivo. Nei disordini del comportamento alimentare si assiste a varie forme di evoluzione, sia spontanea che attraverso la psicoterapia. Questa considerazione ha fatto ipotizzare che la prognosi sia legata molto strettamente al tipo di struttura di personalità, che può essere varia, in specie neurotica o borderline.
Sono state scelte a titolo esemplicativo quattro pazienti anoressiche o disoressiche che hanno seguito un trattamento psicoterapeutico per uno o più anni. Di esse viene presentato il test di Rorschach fatto alla presa in carico. Si discute sulla struttura di personalità, che risulta nei casi 1° e 2° neurotica e nei casi 3° e 4° borderline. Dopo il trattamento psicoterapeutico concluso o interrotto dalle pazienti, si valutano i risultati conseguiti sul piano clinico attraverso notizie catamnestiche.
Si è potuto mettere in evidenza che i buoni risultati clinici si sono ottenuti con le pazienti la cui struttura di personalità presentava in partenza caratteristiche neurotiche e un Io più valido.
Il test di Rorschach è un utile indicatore della prognosi e quindi delle finalità del trattamento già al momento della presa in carico. Nei casi di disordini alimentari esso si rivela particolarmente importante perché la personalità delle malate è varia e così pure la loro idoneità ad un trattamento di indirizzo psicodinamico. Nei casi borderline risultano più indicate altre modalità di intervento terapeutico e psicoeducativo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail