Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2000 December;41(4) > Minerva Psichiatrica 2000 December;41(4):241-50

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Psichiatrica 2000 December;41(4):241-50

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il ruolo eziopatogenetico delle complicanze ostetriche nella schizofrenia

Beni M. C., Amore M., Balista C., Ferroni O., Tonelli G., Ferrari G.


PDF  


Il rapporto tra Complicanze Ostetriche (CO) e schizofrenia è stato valutato attraverso studi retrospettivi, prospettici e studi su gemelli monozigoti discordanti per schizofrenia. Nell'ambito di una eziologia multifattoriale della schizofrenia le CO possono essere una delle concause che, determinando un danno cerebrale precoce, interferiscono con la maturazione del Sistema Nervoso Centrale (SNC) e predispongono alla cosiddetta «schizofrenia da deficit del neurosviluppo» (neurodevelopmental schizophrenia). L'azione delle CO si produrrebbe attraverso un'ischemia/anossia in grado di danneggiare i normali processi di sviluppo del SNC che hanno luogo in epoca pre- e perinatale. Le CO sono correlate con anomalie morfologiche a carico del SNC (dilatazione dei ventricoli cerebrali, assottigliamento della corteccia cerebrale, riduzione del volume dell'ippocampo e dell'amigdala) riscontrate con le tecniche di brain imaging in un sottogruppo di schizofrenici.
La neurodevelopmental schizophrenia può essere considerata un sottotipo di schizofrenia: essa è infatti clinicamente caratterizzata da tratti schizoidi premorbosi di personalità, precario adattamento sociale premorboso, precoce età d'esordio, sintomatologia negativa, decorso e prognosi severi e prevalenza nel sesso maschile.
Le CO potrebbero agire come fattori ambientali patogenetici «sufficienti» per la schizofrenia, o su una predisposizione genetica alla malattia, a sua volta responsabile di una maggiore suscettibilità alle stesse CO; più verosimilmente, potrebbero costituire la chiave che innesca una serie di eventi a cascata che giocano un ruolo significativo nell'eziologia della patologia in un sottogruppo di schizofrenici.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail