Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2000 March;41(1) > Minerva Psichiatrica 2000 March;41(1):59-66

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI SPECIALI  


Minerva Psichiatrica 2000 March;41(1):59-66

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

In tema di psicodinamica del compagno immaginario (Pessoa e i suoi eteronimi)

Lazanio S., Tatarelli R.


PDF  


Il presente lavoro sul poeta portoghese Fernando Pessoa si muove in ambito psicodinamico psicoanalitico, nel tentativo di dare un contributo allo studio del fenomeno del compagno immaginario, fenomeno tipicamente situabile in quell'area al limite tra fisiologia e patologia. Per poter vivere e creare, cose per lui coincidenti, Pessoa ebbe sempre bisogno dei suoi eteronimi. Nella prospettiva secondo cui il compagno immaginario appartiene a pieno titolo all'area transizionale winnicottiana e ha ruolo e funzioni corrispondenti a quelli dell'oggetto-Sé descritto da Kohut, il percorso del lavoro è tracciato da brani di componimenti poetici e da frammenti di vita del poeta. L'eteronomia pessoiana può essere interpretata come una riattivazione dell'area transizionale e dei compagni immaginari dell'infanzia tentativo estremo di mantenere un equilibrio narcisistico, e di evitare la frammentazione del Sé. È forse possibile affermare che senza eteronimi non avremmo avuto la grandezza poetica di Pessoa.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail