Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2000 Marzo;41(1) > Minerva Psichiatrica 2000 Marzo;41(1):1

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Psichiatrica 2000 Marzo;41(1):1

lingua: Italiano

L'interpretazione nelle psicoterapie psicoanalitiche (Studio pilota per una definizione operativa)

Mangini E., Rizzo V., Onofri F.


PDF  


Introduzione ed obbiettivo. Gli Autori sono interessati a formulare una definizione operativa del concetto di interpretazione nell'ambito delle psicoterapie psocoanalitiche. Con il termine «operativo» si intende una definizione che possa essere utilizzata nella verifica empirica del processo psicoterapeutico e sulla cui validità si possa ottenere un accordo statisticamente significativo, anche tra psicoterapeuti o ricercatori che si rifacciano a modelli teorici diversi.
Materiali e metodi. A questo scopo un gruppo di supervisione, partendo dall'analisi di trascrizioni di sedute di psicoterapia psicoanalitica breve, ha formulato delle definizioni che descrivono tre differenti tipi di interpretazione: A) interpretazione semplice; B) interpretazione di transfert; C) interpretazione di transfert centrata sulla separazione. In seguito, sono stati selezionati venticinque stralci delle suddette trascrizioni e sono stati fatti leggere a sedici giudici con scarsa esperienza clinica, chiedendo loro di individuare e distinguere le interpretazioni basandosi sulle definizioni formulate dal gruppo di supervisione. È stata infine calcolata la concordanza delle valutazioni dei giudici servendosi di una misura denominata Statistica Kappa.
Risultati. I dati hanno mostrato l'esistenza di una concordanza significativa tra i giudici. È emerso inoltre che i giudici hanno riconosciuto maggiormente gli interventi che, per aspetti linguistici e di contenuto, rispecchiavano maggiormente le definizioni loro proposte. È stato infine rilevato che i tre tipi di interpretazione non sono stati riconosciuti nella stessa misura.
Conclusioni. Si può concludere che i giudici, per quanto inesperti, siano stati in grado di riconoscere e differenziare le interpretazioni grazie alle definizioni loro proposte.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail