Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 1999 Dicembre;40(4) > Minerva Psichiatrica 1999 Dicembre;40(4):257-62

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Psichiatrica 1999 Dicembre;40(4):257-62

lingua: Italiano

Abuso di anticolinergici in ambito psichiatrico (Un problema trascurato)

Oggioni A., Fioritti A.


PDF  


Le terapie neurolettiche causano con frequenza effetti collaterali extrapiramidali (EPS). Sin dall'inizio del loro impiego in ambito psichiatrico, i farmaci anticolinergici usati per trattare gli EPS hanno presentato rischi di abuso. Malgrado ciò, il problema non è stato diffusamente riconosciuto dalla comunità psichiatrica.
Riportiamo una visione aggiornata del problema, prendendo in esame la letteratura disponibile e valutando due esperienze personali di terapia psicofarmacologica cronica in pazienti psichiatrici che assumono farmaci anticolinergici.
Tra il 1960 ed il 1997 sono apparsi nella letteratura scientifica internazionale più di cento case reports su questi casi, con solo uno studio clinico-epidemiologico. I dati della letteratura, in accordo con le esperienze personali riportate, aiutano a definire i fattori di rischio. Due principali gruppi di pazienti a maggior rischio di abuso: giovani, con schizofrenia in cerca di effetti euforizzanti e psicotici poli-abusatori di sostanze in cerca di esperienze psichedeliche.
L'abuso di anticolinergici rappresenta un problema ancora poco riconosciuto nella pratica psichiatrica. Rimane il bisogno di un suo migliore riconoscimento e trattamento.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail