Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 1999 December;40(4) > Minerva Psichiatrica 1999 December;40(4):249-56

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Psichiatrica 1999 December;40(4):249-56

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Psichiatria d’urgenza (Valutazione dell’intervento nel setting della medicina generale)

Carli T., Bonifaci G., Colombo G.


PDF  


L'obiettivo di questa ricerca era di acquisire informazioni riguardanti: il numero, il tipo e la modalità di gestione delle urgenze psichiatriche affrontate in sei mesi da Medici di Medicina Generale (MMG) dell'USSL 16 Regione Veneto (che comprende la città di Padova e i comuni del circondario); il grado di conoscenza e utilizzo del Servizio Psichiatrico d'Urgenza (SPU) della clinica psichiatrica di Padova, da parte dei MMG stessi nell'intero corso della propria attività.
Metodi. A questo scopo è stato sottoposto all'attenzione dei 314 MMG dell'area padovana un questionario a scelta multipla appositamente formulato, e 123 medici hanno accettato di partecipare all'iniziativa.
Risultati. Dall'analisi delle risposte emerge che il 95,1% dei MMG intervistati riconosce tra i propri pazienti almeno un caso con diagnosi psichiatrica e/o in carico ai servizi territoriali. L'84,6% dichiara di aver gestito situazioni urgenti di natura psichiatrica nei sei mesi precedenti l'inchiesta; di queste, il 39% sono state affrontate personalmente ed il 61% in collaborazione con agenzie esterne.
Per quanto concerne invece l'intero arco della propria attività professionale, il 69,9% dei MMG afferma di aver condotto almeno un Trattamento Sanitario Obbligatorio (TSO) il più delle volte in collaborazione con il SPU (41% dei casi).
Il 78% dei medici conosce l'esistenza del SPU; il 56,9 riferisce di aver contattato almeno una volta tale servizio, il 30,1% è stato contattato almeno una volta ed il 44,7% ha condotto almeno un intervento in collaborazione.
Conclusioni. Questi risultati dimostrano come l'ambito delle urgenze psichiatriche coinvolga quasi la totalità degli operatori della medicina di base e come il SPU possa essere considerato un punto di riferimento specialistico garantito ed affidabile rispetto ai casi non gestibili direttamente dal MMG.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail