Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 1999 Settembre;40(3) > Minerva Psichiatrica 1999 Settembre;40(3):201-18

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus

 

Minerva Psichiatrica 1999 Settembre;40(3):201-18

 REVIEW

Pseudodemenza (Una review)

Padoani W., De Leo D.

Con questa revisione della letteratura si intende presentare l'attuale stato delle conoscenze e le ulteriori ipotesi di sviluppo nella ricerca relativamente al tema della pseudodemenza, definizione ancora in attesa di una precisa collocazione nosografica.
Viene innanzitutto riservato ampio spazio alla pseudodemenza depressiva, il quadro di maggior riscontro e dall'impatto più consistente in ambito clinico. Segue la presentazione delle altre situazioni di interesse psichiatrico che possono manifestarsi con deficit cognitivi di rilievo: il disturbo bipolare in fase maniacale, la schizofrenia, la pseudodemenza isterica, la sindrome di Ganser e la pseudodemenza collegata alla depressione in corso di AIDS. é altresì illustrato un caso clinico di ''pseudodemenza regressiva'', condizione che conta a tutt'oggi rare segnalazioni in letteratura.
L'attuale stato delle conoscenze sembra suggerire l'opportunità di una valutazione della pseudodemenza nel contesto di una visione diacronica, incrementando gli studi di follow-up.
Si evidenzia, inoltre, la necessità di considerare in maniera specifica e particolare la depressione nell'anziano, caratterizzata da numerose peculiarità rispetto ai quadri depressivi di altre fasce d'età e da specifiche implicazioni relative al quadro clinico e ai costi sociali diretti e indiretti che deriverebbero dal suo frequente misconoscimento. La distinzione dei quadri pseudodemenziali da quelli ricollegabili ad un deterioramento cognitivo di tipo demenziale e l'adozione conseguente di opportune strategie di prevenzione e cura degli stessi garantirebbero, infatti, un netto miglioramento della qualità di vita dei pazienti, riducendo il loro bisogno di appoggio ai servizi di assistenza pubblica e permettendo di dislocare preziose risorse verso altri fini riabilitativi o assistenziali.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina