Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 1999 Giugno;40(2) > Minerva Psichiatrica 1999 Giugno;40(2):81-108

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Psichiatrica 1999 Giugno;40(2):81-108

lingua: Italiano

Dati attuali sulla neuropatologia della schizofrenia

Cipriano P., Silvestrini C., Iannitelli A., Bersani G.


PDF  


Questo articolo revisiona i principali studi neuropatologici post-mortem moderni, ovvero quelli, eseguiti negli ultimi 20 anni, caratterizzati da una maggiore adeguatezza metodologica. La maggior parte di essi ha dimostrato vari tipi di anomalie macroscopiche e microscopiche a livello delle strutture limbiche, della corteccia frontale, dei nuclei della base, del talamo, del tronco dell'encefalo, del cervelletto, del corpo calloso e del setto pellucido. Tut-tavia, lesioni «diagnostiche» di schizofrenia non sono state trovate.
Indagini «ultrastrutturali» compiute con metodi immunoistochimici e/o con microscopia elettronica hanno, invece, evidenziato numerose anomalie a carico di diverse strutture neuronali (assoni, dentriti, spine dentritiche, sinapsi, proteine ed RNA-messaggeri sinaptici). Tali riscontri consentono di ipotizzare che la schizofrenia possa dipendere da una «disconnessione» interneuronale capace di determinare i sintomi caratteristici della malattia, pur senza compromettere la sopravvivenza dei neuroni colpiti e/o senza alterare la loro morfologia di base.
Inoltre, la mancanza di astrocitosi e il riscontro di anomalie citoarchitettoniche (determinate da difetti della migrazione e della polarità neuronale) nel cervello degli schizofrenici suggeriscono che le anomalie strutturali possano essere la conseguenza di un disturbo nello sviluppo cerebrale e contraddicono l'ipotesi che la schizofrenia sia un disturbo degenerativo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail