Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 1999 March;40(1) > Minerva Psichiatrica 1999 March;40(1):47-54

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PSICHIATRICA

Rivista di Psichiatria, Psicologia e Psicofarmacologia


Official Journal of the Italian Society of Social Psychiatry
Indexed/Abstracted in: EMBASE, e-psyche, PsycINFO, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Psichiatrica 1999 March;40(1):47-54

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Individual psychotherapy by a systemic approach in bulimic patients

Calandra C., Gulino V.


PDF  


La bulimia è un disturbo del comportamento alimentare che negli ultimi decenni è stato diagnosticato con sempre maggiore frequenza.
Dopo una breve descrizione della sua storia, vengono esaminati diversi aspetti del disturbo del comportamento alimentare oggi noto col nome di bulimia, come le sue basi biologiche, l'epidemiologia, le caratteristiche cliniche.
È poi descritto l'approccio complesso, sia biologico che psicoterapeutico, che seguiamo nel nostro Servizio per la Terapia dei Disturbi del Comportamento Alimentare, per trattare pazienti bulimici.
Tali pazienti vengono sottoposti a visita medica, con determinazione di diversi parametri biologici (emocromo, elettroliti, elettroforesi delle proteine sieriche, ECG, peso ed altezza), a psicodiagnosi, condotta anche con specifiche rating scale, per cono-scere la personalità, le dinamiche di relazione, o eventuale comorbidità con altri sintomi psichiatrici. Se necessario vengono trattati con farmaci antidepressivi, allo scopo di ridurre il bisogno compulsivo di cibo. Allo stesso tempo, sono sottoposti ad una psicoterapia di tipo sistemico in un setting individuale, dove viene usato abbondante materiale proiettivo per promuovere il processo di separazione-indivi-duazione.
In questo ambito viene attribuita grande importanza all'autonarrazione: l'individuo compone le sue esperienze in sequenza temporale, costruendo semplici storie senza pretese di veridicità che danno alla sua vita un senso di continuità.
Infine, viene descritto un caso clinico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail