Home > Riviste > Minerva Pneumologica > Fascicoli precedenti > Minerva Pneumologica 2013 Giugno-Settembre;52(2-3) > Minerva Pneumologica 2013 Giugno-Settembre;52(2-3):123-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PNEUMOLOGICA

Rivista sulle Malattie dell’Apparato Respiratorio


Official Journal of the Italian Society of Thoracic Endoscopy
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Pneumologica 2013 Giugno-Settembre;52(2-3):123-8

lingua: Inglese

Misurazione della curva pressione-volume definita mediante inflazione continua a basso flusso inspiratorio nel ratto: effetti delle diverse posizioni corporee

Rubini A. 1, Bosco G. 1, Catena V. 2, Del Monte D. 2

1 Section of Physiology Department of Biomedical Sciences University of Padua, Padua, Italy;
2 Department of Emergency and Intensive Care ULSS 2, Feltre, Belluno, Italy


PDF  


Obiettivo. Obiettivo del presente studio è stato quello di studiare gli effetti di diverse posizioni corporee, cioè testa in su e testa in giù, sulla curva pressione-volume quasi-statica del sistema respiratorio definita mediante inflazione continua a basso flusso inspiratorio.
Metodi. Durante inflazione a flusso inspiratorio lento e costante, la componente resistiva della pressione di inflazione può essere considerata praticamente trascurabile, in modo che la misurazione della pressione nelle vie aeree consente di definire la curva pressione-volume quasi-statica del sistema. Abbiamo registrato le curve pressione-volume in modo continuo in ratti anestetizzati e paralizzati nelle posizioni supina, 30° a testa in giù, e 30° a testa in sù.
Risultati. Le curve pressione-volume medie mostrano uno spostamento verso l’asse della pressione nella posizione a testa in giù, e verso l’asse del volume a testa in su, indicando che cambiamenti di posizione del diaframma dovuti alla forza di gravità influenzano le proprietà elastiche del sistema respiratorio. L’effetto è stato osservato sull’intera estensione dei volumi insufflati, che raggiungevano valori all’incirca doppi rispetto al volume corrente fisiologico. Gli effetti gravitazionali nella posizione a testa in sù aumentavano col volume polmonare, ma non a testa in giù.
Conclusioni. Sull’intero range di volumi insufflati, la compliance dell’apparato respiratorio si riduce nella posizione a testa in giù, e aumenta nella posizione a testa in sù.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail