Home > Riviste > Minerva Pneumologica > Fascicoli precedenti > Minerva Pneumologica 2013 June-September;52(2-3) > Minerva Pneumologica 2013 June-September;52(2-3):111-22

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA PNEUMOLOGICA

Rivista sulle Malattie dell’Apparato Respiratorio


Official Journal of the Italian Society of Thoracic Endoscopy
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  TRATTAMENTO DELLA MALATTIA RESPIRATORIA


Minerva Pneumologica 2013 June-September;52(2-3):111-22

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Gestione dei disturbi respiratori del sonno nell’insufficienza cardiaca

Randerath J. W.

Institute of Pneumology at the University Witten/Herdecke, Clinic for Pneumology and Allergology, Center of Sleep Medicine and Respiratory Care, Bethanien Hospital, Solingen, Germany


PDF  


Circa il 50% dei pazienti con insufficienza cardiaca cronica soffre di disturbi respiratori del sonno (SRBD), con apnee e ipopnee sia ostruttive, sia centrali. Il respiro di Cheyne-Stokes (CSR) è definito da uno schema periodico di profondità crescente e decrescente del volume corrente e dello sforzo respiratorio. La fisiopatologia comprende ipersensibilità dei chemocettori periferici e dei centri di controllo respiratorio nel tronco cerebrale e una situazione iperventilatoria cronica. La stimolazione dei nervi afferenti vagali dei polmoni, lo spostamento di liquidi dai comparti inferiori del corpo, i cambiamenti metabolici e l‘aumento dell‘eccitabilità possono contribuire al circolo vizioso. La mortalità dei pazienti affetti da insufficienza cardiaca con CSR è aumentata. Tuttavia, il trattamento ottimale è ancora in discussione. CPAP e apporto di ossigeno riducono i disturbi respiratori di circa il 50%, mentre esiste solo limitata evidenza per l‘uso della terapia bilivello. La servoventilazione adattata è superiore a tutte le altre opzioni di trattamento in termini di miglioramento dei disturbi respiratori e dei parametri cardiaci. Tuttavia, mancano ancora dati sulla sopravvivenza a lungo termine. Pertanto, è ragionevole auspicare uno studio a breve termine della CPAP, ma dovrebbe essere sostituita dalla SV, qualora non fosse possibile migliorare sufficientemente la respirazione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail